Francia, zona rosso scarlatto. Che cos’è? E’ il nuovo livello di allerta massima (bar e ristoranti chiusi)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Settembre 2020 10:12 | Ultimo aggiornamento: 24 Settembre 2020 10:12
Francia, boato a Parigi: aereo ha infranto il muro del suono

Francia, boato a Parigi: aereo ha infranto il muro del suono

In Francia i nuovi casi positivi in un solo giorno sono risaliti sopra quota 13.000 (ieri erano stati 10.008), toccando quota 13.072.

Aumenta ancora il tasso di positività, ormai al 6,2%. E la cartina della nazione – fino ad oggi tempestata di zone “rosse” – si arricchisce di nuovi e più minacciosi colori. 

Francia: rosso scarlatto, rosso scuro, rosso chiaro a seconda del contagio

Oggi in Francia rosso scarlatto designa la zona di “allerta massima” (è il caso di Marsiglia-Aix en Provence, dove da lunedì saranno chiusi bar e ristoranti). E il rosso scuro (emergenza sanitaria) che designa un’allerta rinforzata.

In pratica, le vecchie zone rosse, che scattano quando l’incidenza del contagio supera i 50 positivi su 100mila abitanti, sono state ulteriormente divise in tre fasce, tre diverse gradazioni di rosso.

Rosso chiaro, allerta: assembramenti, non più di 30, bar aperti

Rosso chiaro, appunto, con 50 positivi su 100mila abitanti: in questa situazione al prefetto sono assegnati poteri speciali che lo autorizzano a prendere le misure che ritiene pertinenti.

Per tutti – spiega bene un articolo del quotidiano francese Le Figaro – nella zona rosso chiaro, c’è il divieto di assembramento per più di 30 persone (feste, matrimoni, funerali, eventi associativi).

Rosso scuro, allerta rinforzata (oggi Parigi): bar chiusi alle 22

Rosso scuro, o di allerta rinforzata: il tasso di incidenza deve essere di 150 positivi ogni 100mila abitanti (o 50, quando se la zona circoscritta è abitata da anziani). 

E’ il caso di Parigi. Limite di 10 persone per gli assembramenti di persone in luoghi pubblici (spiagge, giardini, piazze, ecc.), divieto di feste studentesche o di associazioni.

Limite di pubblico per eventi pubblici che scende da 5.000 persone a 1.000. Bar e ristoranti chiuderanno al massimo alle 22, di nuovo vietato lo sport al chiuso e le palestre.

Rosso scarlatto, allerta massima: bar e ristoranti chiusi per 15 giorni

Rosso scarlatto, cioè il grado più scuro sulla cartina del contagio che designa l’allerta massima. 250 positivi ogni 100mila abitanti. E’ il caso di Marsiglia e Aix-en-Provence, con la regione comune che le riguarda, dove bar e ristoranti torneranno a chiudere completamente per 15 giorni.

Sono tornati i toni gravi di marzo e aprile in Francia, la lettura di cifre drammatiche, gli allarmi dagli ospedali. 

Senza un’azione drastica e urgente, al 10 ottobre sarà utilizzato il 40% delle capacità di rianimazione della regione, il 25 ottobre il 60% e l’11 novembre l’85%”.

Con l’aggravante che questa volta, con il virus più diffuso sull’intero territorio francese, diventa impossibile il trasferimento di malati gravi in ospedali di altre regioni, come fu invece fatto a marzo e aprile in piena tempesta epidemica. (fonte Le Figaro)