Ebola. Guarisce paziente Gb curato con nuovo farmaco ”Zmapp”

Pubblicato il 3 settembre 2014 19:41 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2014 20:10
Will Pooley

Will Pooley

GB, LONDRA – Will Pooley è sopravvissuto a Ebola. Il primo paziente britannico colpito dal virus è stato dimesso mercoledi dal Royal Free Hospital di Londra dopo che i medici lo hanno dichiarato completamente guarito.

In soli 10 giorni l’infermiere volontario di 29 anni è passato dall’incubo di morire dopo aver contratto la malattia in Sierra Leone al sollievo di uscire dall’ospedale inglese sulle proprie gambe. Anche se non è ancora chiaro, potrebbe aver giocato un ruolo chiave nella sua guarigione il farmaco biotecnologico sperimentale chiamato ‘Zmapp’.

Parlando in una conferenza stampa, Pooley ha detto di essere stato molto fortunato e ha ringraziato i medici dell’ospedale di Londra per le cure ricevute nei dieci giorni di ricovero definendo la loro assistenza come una delle migliori a livello mondiale. Ignora come sia potuto avvenire il contagio ma molto probabilmente è stato determinante lo stretto contatto coi pazienti affetti da ebola in Africa. I suoi colleghi lo hanno definito come uno degli infermieri più coraggiosi di fronte a una malattia nota per l’altissima mortalità.

”Ho iniziato a sentirmi male, ho fatto gli esami del sangue e poi uno dell’Organizzazione mondiale della sanità mi ha detto che ero infetto”, ha ricordato l’infermiere, che è stato poi trasportato d’urgenza a bordo di un aereo militare della Raf in Inghilterra. ”Avevo la febbre alta ma per fortuna non sanguinavo”, ha aggiunto.

Come hanno spiegato i medici, la malattia era ad uno stadio iniziale e questo ha facilitato la guarigione. Pooley è stato trattato col farmaco sperimentale Zmapp, una infusione di anticorpi della durata di 12 ore, che è stato dato a soli altri sei pazienti. Resta ancora da capire se sia stato questo il fattore determinante: fatto sta che i livelli del virus nel sangue sono scesi in modo significativo dopo il trattamento.

”Non può trasmettere l’infezione a nessuno ora. Il virus è stato eliminato dal suo corpo, non c’è alcun rischio per la popolazione”, ha detto Michael Jacobs, uno dei medici al Royal Free Hospital. Pooley ha dichiarato che ora si concederà un periodo di riposo con la sua famiglia in Suffolk. Non può viaggiare perchè il suo passaporto è stato incenerito come precauzione dopo che l’infermiere era risultato positivo al virus.