Gb, uccisero donna con petardi: presi con Facebook

Pubblicato il 9 Novembre 2009 20:37 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2009 20:37

La vittima Mary Fox

Tre ragazzi britannici sono stati arrestati oggi per l’omicidio di una donna di Bodmin, in Cornovaglia, dopo che la polizia ha setacciato le pagine Facebook degli abitanti della zona in cerca di indizi.

Mary Fox, 59 anni e madre di nove figli, è morta la scorsa settimana in un incendio causato da alcuni petardi che erano stati infilati nella sua buca delle lettere. «Alcune delle informazioni ci sono pervenute tramite Facebook», ha dichiarato oggi un portavoce della polizia.

I ragazzi, due di 17 anni e uno di 18, sarebbero stati identificati dai vicini della Fox come coloro che, nella notte di giovedì scorso, stavano lanciando petardi nella zona.

La donna è morta dopo aver messo in salvo il figlio disabile di 17 anni, Raum, spingendolo fuori da una finestra del piano di sopra mentre le fiamme stavano inghiottendo l’appartamento. I resti dei petardi sono stati trovati sotto la porta, in corrispondenza della buca delle lettere.

Non è chiaro se i ragazzi avessero infilato i petardi con l’intenzione di prendere di mira Raum, che soffre di problemi di apprendimento e che aveva da poco cambiato scuola perchè vittima di bullismo.