Gemma Schembri, stuprata dal padre a 12 anni: “Perdi verginità con me, meglio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 gennaio 2014 17:56 | Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2014 17:57
Gemma Schembri, stuprata dal padre a 12 anni: "Perdi verginità con me, meglio"

Gemma Schembri (Foto Lapresse)

BERLINO – Stuprata dal proprio padre a 12 anni. “Mi disse: è meglio se perdi la verginità con me che con una persona a casa in un hotel”. E’ la storia di Gemma Schembri, tedesca, oggi ventunenne. E’ stata lei stessa a raccontare le violenze subite al Daily Mail. 

“Mio padre ha iniziato ad abusare di me quando sono rimasta a vivere con lui, e le violenze sono durate più di un anno, ha raccontato al quotidiano britannico. Lui riusciva a manipolarmi, controllava i miei pensieri e mi faceva credere che quella cosa fosse normale. Mia madre non mi aveva mai parlato delle violenze sessuali, e quali atteggiamenti fossero accettabili e quali no. Mi ci sono voluti due anni per riuscire a dire a qualcuno che ero stata stuprata. All’inizio non pensavo nemmeno che fosse sbagliato, e quando ho capito che lo era non sapevo come parlarne a mia madre. A scuola mi avevano insegnato l’educazione sessuale, ma credo che una ragazza dovrebbe sapere da sua madre, e non dagli insegnanti, cosa è un abuso sessuale e cosa non lo è”.

Dopo un difficile percorso, Gemma ha iniziato a collaborare con l’organizzazione Nspcc, che combatte contro gli abusi sui minori.