Germania. Aereo caduto, sepolti in segreto da famiglia resti di Andreas Lubitz

Pubblicato il 1 luglio 2015 14:36 | Ultimo aggiornamento: 1 luglio 2015 14:37
Andreas Lubitz

Andreas Lubitz

GERMANIA, BERLINO – Con una piccolo funerale, segreto e blindato, nel cimitero di Montabur, in Germania, la famiglia ha seppellito i resti di Andreas Lubitz, il copilota responsabile del disastro aereo della Germanwings, sabato scorso.

Del rito segreto di sepoltura ha dato notizia la Bild. “Resti nei nostri cuori. Con amore mamma e papà”, hanno scritto i genitori del ventisettenne che, stando all’inchiesta, ha distrutto l’Airbus 320 della filiale Lufthansa, uccidendo 149 persone, per farla finita.

Un giovane brillante, ambizioso e malato, che si è trasformato in un mostro. Lubitz, secondo quanto emerso dalle indagini, era in possesso di un’idoneità di volo contrassegnata da una riserva proprio per episodi precedenti di depressione e tendenze suicide, ed era in contatto con decine di medici per i suoi disagi fisici – un problema serio agli occhi avrebbe presto pregiudicato la sua possibilità di volare – e psichici.

Voleva suicidarsi, e cercava su internet modi per farlo. Novantacinque giorni dopo il volo caduto finito sulle Alpi francesi, dove il giovane aveva assunto i comandi dopo essersi barricato nela cabina di pilotaggio per dare via a una discesa di quota fatale, a dare sepoltura ai resti del co-pilota è stata la sua famiglia.

C’era anche la compagna, che ha scritto: “I momenti più belli della vita sono brevi, ma i pensieri li trattengono per sempre, e per sempre restano qui tracce della tua vita, dei tuoi pensieri, di immagini e momenti. Mi faranno felice e triste, e non mi faranno scordare di te”.

Oggi sulla tomba di Lubitz c’è una croce di legno con la scritta dedicata a “Andy”.