Germania, l’orco dei bambini profughi. Due rapiti e uccisi

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Ottobre 2015 13:39 | Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2015 14:10
Germania, orco rapisce e uccide due bambini

I manifesti per trovare Elias

BERLINO – Non solo Mohamed, l’orco tedesco si è portato via anche Elias. E’ un 32enne tedesco l’uomo arrestato con l’accusa di aver rapito, violentato e ucciso il piccolo Mohamed, un bambino bosniaco di 4 anni che si trovava a Berlino con la famiglia per chiedere asilo. Un piccolo migrante, insomma, come altri migliaia. Lui è sparito l’1 ottobre e solo giovedì la polizia tedesca ha arrestato il suo presunto assassino. L’uomo, parlando con i magistrati, ha confessato anche un altro delitto, quello di Elias, un bambino di 6 anni sparito da Potsdam agli inizi di luglio e ritrovato sepolto in un giardino.

Giovedì primo ottobre Mohamed era in fila insieme alla mamma e ai suoi tre fratellini, in mezzo alla folla, nel piazzale del quartiere Moabit di Berlino: in quella folla Mohamed è sparito. E’ bastato un attimo di distrazione e la sua mamma non l’ha più visto. Per tre settimane la donna e gli abitanti della zona lo hanno cercato. E’ stato ritrovato giovedì, morto, il suo corpicino nel portabagagli di un’auto.

In attesa dell’esame autoptico resta in piedi l’ipotesi della pedofilia. L’assassino durante l’interrogatorio si è addossato la colpa anche della morte del piccolo Elias. Il 32enne è stato anche immortalato da alcune telecamere di sorveglianza, sarebbe proprio l’uomo alto con gli occhiali che si allontana tenendo per mano Mohamed.