Gilet gialli, torna la calma a Parigi dopo gli scontri: una ventina i feriti VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Novembre 2018 15:54 | Ultimo aggiornamento: 28 Novembre 2018 10:19
gilet gialli parigi

Gilet gialli, scontri con la polizia a Parigi: lacrimogeni e roghi sugli Champs Elysées

PARIGI – Dopo quasi 8 ore di guerriglia tra i gilet gialli, scesi in strada per per protestare contro l’aumento delle tasse sui carburanti, e le forze dell’ordine, gli Champs-Elysees sono stati sgomberati e c’è un graduale ritorno alla calma a Parigi: lo ha annunciato poco dopo le 18 la portavoce della prefettura, Johanna Primevert.

Il bilancio parla di 20 feriti fra i manifestanti, il più grave di quali è rimasto colpito a una mano, 4 fra i poliziotti. I fermi sugli Champs-Elysees sono stati 34.

Sacche di disordini restano in diversi punti della città, a cominciare dalla Avenue de la Grande Armée, dalla parte opposta degli Champs-Elysées rispetto all’Arco di Trionfo. Lì, molti casseur costretti dalla polizia a sgomberare, hanno cominciato ad incendiare cassonetti e arredo urbano riproponendo a distanza lo stesso scenario della giornata. La polizia, anche in questo caso, ha reagito con lacrimogeni, getti d’acqua e granate assordanti.

Un incendio di veicoli è segnalato anche a Place de la Madeleine, mentre la Bastiglia ha visto da circa mezz’ora il dispiegamento di qualche centinaio di manifestanti, al momento senza incidenti. 

Mentre i dirigenti della prefettura criticavano, davanti alle telecamere delle tv, il Comune per aver lasciato sugli Champs-Elysées, alla mercé dei gilet gialli, una quantità infinita di materiale dei suoi innumerevoli cantieri aperti, su Twitter spuntava un post della sindaca parigina Anne Hidalgo: “E se approfittaste del weekend per sfidare il freddo e venire ad ammirare le splendide luminarie degli Champs-Elysées?”.

Una gaffe incredibile, è stato notato da molti commentatori, che è arrivata proprio nel momento più caldo degli incidenti, con la celebre avenue messa a ferro e fuoco dai gilet gialli. Successivamente, i servizi del Comune hanno spiegato che il tweet era stato programmato in anticipo.

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev.