Gran Bretagna, 400 mila passaporti smarriti all’anno: ci mettono 73 giorni a denunciarlo. Così entrano i terroristi

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 luglio 2018 6:33 | Ultimo aggiornamento: 9 luglio 2018 20:40
Gran Bretagna, 400 mila passaporti smarriti all'anno: ci mettono 73 giorni a denunciarlo. Così entrano i terroristi

Gran Bretagna, 400 mila passaporti smarriti all’anno: ci mettono 73 giorni a denunciarlo. Così entrano i terroristi

LONDRA – Nel Regno Unito, annualmente viene denunciato il furto o lo smarrimento di 400 mila passaporti britannici, una considerevole cifra emersa quando il ministro dell’Interno inglese Sajid Javid ha lanciato una campagna per esortare le persone a segnalare i documenti di viaggio mancanti, il tutto a seguito di un’inchiesta del Daily Mail che al riguardo ha rivelato un mercato nero in forte espansione. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play]

Sajid Javid ha preso l’iniziativa per stoppare l’aumento di passaporti smarriti e di cui non viene fatta denuncia, che consente a terroristi e criminali di entrare nel Regno Unito. Il tabloid britannico, nell’inchiesta ha rivelato come le bande che circolano nell’Europa occidentale rubino i passaporti britannici che poi provvedono a mandare in Turchia e in Grecia, dove vengono venduti a 2,500 ciascuno. Nonostante le “gravi conseguenze” a causa dei documenti mancanti che cadono in mani senza scrupoli, il Ministero degli Interni ha dichiarato che le persone prima di fare denuncia alle autorità, aspettano una media di 73 giorni.

Un boss internazionale di contrabbando che opera a Istanbul, al Mail ha riferito che alcuni passaporti sono venduti dai proprietari ai trafficanti di esseri umani con l’accordo che faranno la denuncia solo dopo alcuni mesi, il che implica la vendita e l’utilizzo da parte di impostori.

Molti paesi non controllano periodicamente il database di Stolen and Lost Travel Documents (SLTD) dell’Interpol e non vengono automaticamente informati di tutti i furti di passaporti che si verificano nel mondo, offrendo ai trafficanti un enorme vantaggio. Il deputato conservatore Douglas Ross ha dichiarato: “Deve essere messa a disposizione una tecnologia per garantire che l’SLTD sia collegato alle liste nazionali dei passaporti rubati, in modo che ai controlli alle frontiere le persone che entrano illegalmente vengano catturate”.