Gb, boom di interruzioni di gravidanza tra le minorenni. In un anno 89 ragazze abortiscono per la terza volta

Pubblicato il 16 Giugno 2010 11:12 | Ultimo aggiornamento: 16 Giugno 2010 11:34

L’interruzione volontaria di gravidanza continua a suscitare scandali. Se in Italia è la pillola RU486, che provoca l’aborto farmacologico, a risvegliare timori delle associazioni pro-vita e non solo, in Gran Bretagna il governo britannico ha diffuso dei dati-shock sulle adolescenti. Solo l’anno scorso, ben 89 ragazze con meno di 17 anni hanno interrotto una gravidanza. Ma, attenzione: avevano già due aborti alle spalle.

La causa di queste gravidanze ripetute tra gli adolescenti sono, secondo Ann Furedi, responsabile di British Pregnancy Advisory Service, l’agenzia più importante per il controllo delle nascite nel Regno Unito, è da ricercarsi negli stili di vita caotici e nella difficoltà a organizzare la propria contraccezione.
E le polemiche non si fermano, dopo la trasmissione sui canali britannici del primo spot commerciale sull’aborto, andato in onda nelle settimane scorse.