Grecia: giornalista ucciso davanti alla sua abitazione, ipotesi terrorismo

Pubblicato il 19 luglio 2010 8:12 | Ultimo aggiornamento: 19 luglio 2010 8:18

Il giornalista greco Socrate Giolas, direttore della stazione radio ‘Thema 9,89′, e’ stato assassinato nella mattinata di lunedì 19 luglio davanti alla porta di casa da sconosciuti. La polizia non esclude alcuna pista, inclusa un’azione terroristica o a sfondo mafioso.

Secondo le prime testimonianze, una persona ha suonato al citofono dell’abitazione della vittima nelle prime ore della mattina, invitandolo a scendere dove lo attendevano più persone, che lo hanno crivellato di colpi. Secondo testimoni oculari, gli assassini indossavano uniformi, forse della polizia comunale, ed erano almeno tre.

Uno di essi ha suonato il citofono per annunciare alla vittima che la sua auto stava per essere rubata. Una volta sceso in strada, Giolias e’ stato ucciso con numerosi colpi di pistola calibro 9. Gli assassini sono ripartiti, riferisce l’agenzia Ana, con una Honda Civic poi ritrovata bruciata a poca distanza dalla zona del delitto e che e’ risultata rubata.

Al momento dei fatti nella casa del giornalista si trovavano anche il figlio e la moglie che e’ sotto shock. La polizia non esclude nessuna matrice per questo delitto, ma sembra privilegiare la pista terroristica o mafiosa. Alcune organizzazioni armate anarco-insurrezionaliste hanno in passato minacciato di morte i giornalisti come complici del ”potere capitalista”. In particolare si pensa alla Setta dei Rivoluzionari, che nel 2009 uccise un poliziotto di guardia ad un commissariato.