Guantoni da boxe degli antichi romani scoperti nei pressi del Vallo di Adriano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 febbraio 2018 7:00 | Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2018 6:22
Scoperti in Inghilterra guantoni da boxe degli antichi romani

Guantoni da boxe degli antichi romani scoperti nei pressi del Vallo Adriano (nella foto dettaglio de Il pugilatore a riposo)

ROMA – In prossimità della grande fortificazione che tagliava da parte a parte la Britannia conquistata dai romani, sono stati scoperti antichi guantoni da pugilato risalenti al 120 dopo Cristo. Non è certamente la sola testimonianza che documenta la passione per la nobile arte dei romani, mosaici, pitture murali, vasi e altre incisioni ne hanno fornito copiosa prova.

Resta che quei guantoni del Vallo Adriano sono un reperto unico e, compatibilmente con i circa due millenni trascorsi, quasi ben conservato. Una mano la si può infilare con comodità, la pelle usata reca ancora l’impronta delle nocche dell’ultimo pugilatore. Il materiale è di un tipo che riesce ad attutire i colpi. La scoperta è avvenuta sotto quella che era l’antica fortezza di Vindolanda (V secolo), a sud del Vallo, in località Hexham, nel Northumberland.

Gli archeologi vi hanno riconosciuto una caserma della cavalleria romana. All’interno una messe eccezionale di manufatti, strumenti, armi. Vi fiorivano grandi attività militari, di cui la boxe era pratica fondamentale, per migliorare nel combattimento, per offrire uno spettacolo ai soldati con gli incontri organizzati.