Inghilterra, a Woolsery (Devonshire) è tornata la paura del diavolo

Pubblicato il 16 Marzo 2009 13:12 | Ultimo aggiornamento: 16 Marzo 2009 14:02

Il diavolo nell’Inghilterra sud-occidentale? Dopo 150 anni la leggenda è torna a spaventare la gente di Woolsery, una cittadina nel Devon settentrionale, dopo che la signora Jill Wade, 76 anni, un bel mattino è uscita nel suo cortile innevato ed ha con suo grande stupore visto una lunga fila di impronte di zoccoli.

Non essendoci a Woolsery caproni, mucche o simili, la gente ha subito pensato ad una visita notturna del Maligno.

Del resto, un precedente c’è, anche se non recentissimo. Le stesse misteriose impronte furono trovate a Woolsery nel 1855, e da allora in poi sono state chiamate ”le impronte del diavolo”.

Le impronte nel cortile della signora Wade  sono state prese tanto sul serio che si sono disturbati ad esaminarle perfino gli scienziati del Centro Zoologico di Fortean.  Misurano 13 centimetri in lunghezza e distano le une dalle altre tra i 28 e i 43 centimetri. Jonathan Dowes, direttore del Centro, sta cercando di capire se le impronte siano state lasciate da conigli o lepri che procedevano saltando sulle zampe posteriori.

Ha dichiarato Dowes ai giornalisti accorsi nella cittadina: ”mi chiedete se credo che il diavolo lasci gli abissi dell’inferno per fare delle passeggiate nel Devon settentrionale? Certo che no. Ma se mi chiedete se esistono dei fenomeni che non possono essere spiegati dalla scienza, allora la mia risposta e’ sì. D’altra parte le conoscenze umane si espandono in continuazione ed e’ mia  convinzione che fenomeni attualmente ritenuti paranormali saranno un giorno spiegati dalla scienza”.