Inghilterra, 18enne lasciato morire in casa: “Pesava meno di 38 chili”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 giugno 2018 7:57 | Ultimo aggiornamento: 8 giugno 2018 23:00
Inghilterra, 18enne lasciato morire in casa: "Pesava meno di 38 chili"

Inghilterra, 18enne lasciato morire in casa: “Pesava meno di 38 chili”

LONDRA – Jordan Burling, 18 anni, quando è morto [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] pesava poco più di 38 chili, era pelle e ossa, i paramedici lo hanno trovato sdraiato su un materassino gonfiabile sporco, indossava un pannolino sudicio e aveva piaghe da decubito. A lasciarlo “morire di stenti” sono state la madre, la sorella e la nonna, secondo quanto è emerso nel tribunale di Leeds.

Jordan è morto a causa di malnutrizione, immobilità e per le piaghe infette dopo essere stato “lasciato nel degrado” per diverse settimane.
Il corpo del ragazzo è stato paragonato a quello dei prigionieri nei campi di sterminio nazisti ma ora la madre Dawn Cranston, 45 anni, la sorella Abigail Burling, 25, e la nonna Denise Cranston, 70, sono accusate di omicidio colposo.
E nel corso di una perquisizione la polizia scioccata ha scoperto anche il corpo ormai decomposto di un neonato, figlio di Dawn Cranston, chiuso in uno zaino.
Il PM Nicholas Lumley ha dichiarato:”La colpa è di ciascuna delle accusate. Agli occhi dei paramedici è apparsa una scena sconvolgente e inquietante”, scrive il Daily Mail.

“Per ragioni che non potremo mai capire, Jordan è stato lasciato nel degrado dalle persone più vicine a lui ed è la sola ragione per cui è morto. Non è stata una malattia ma le condizioni create dalle accusate”.
Jordan aveva condotto una vita relativamente normale fino a 16 anni, poi è stato ritirato dalla scuola e studiava a casa con la madre.

In tribunale è emerso che il padre di Jordan, Steven Burling, con il quale aveva sporadici contatti, aveva inviato diversi messaggi in cui chiedeva informazioni sulla salute del figlio e chiedeva all’ex moglie di portarlo dal medico.
Dawn Cranston aveva risposto:”Gli ultimi dieci anni sono trascorsi combattendo la depressione, gli attacchi d’ansia e dormendo due ore a notte”.
Jordan è morto per broncopolmonite acuta, a causa della malnutrizione, immobilità e piaghe infette. In casa, la polizia ha trovato un computer e su Google c’era la ricerca per  piaghe da decubito, due mesi prima della morte del ragazzo.