Inghilterra, prete celebra matrimonio gipsy: ora rischia multa per aver violato regole del lockdown

di Caterina Galloni
Pubblicato il 15 Novembre 2020 10:30 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2020 16:46
Inghilterra prete matrimonio gipsy

Inghilterra, prete celebra matrimonio gipsy: ora rischia multa per aver violato regole del lockdown

Aver celebrato un matrimonio gipsy in grande stile a un prete cattolico di Nuneaton, Warwickshire, potrebbe costare una multa di £ 1.000 per aver violato le regole del lockdown.

Alle nozze hanno partecipato ben 200 ospiti, sembra a sua insaputa, nonostante fosse permessa la presenza di sole 15 persone.

La polizia è entrata nella chiesa di Nostra Signora degli Angeli a Nuneaton per riferire a padre Simon Hall che sarebbe arrivata una citazione per posta.

Le forze dell’ordine erano state avvertite che una folla che si stava radunando nel parco della chiesa, situata nel centro della città, ed erano intervenute poco dopo che le nozze erano state celebrate.

Padre Simon Hall, 43 anni, ha spiegato: “È stato davvero uno shock. Avevamo concordato per 15 persone ma il giorno della cerimonia è stato molto diverso”.

Mentre lo sfortunato prete si preparava a celebrare il matrimonio gipsy, un corteo di auto percorreva le strade della città dietro a una carrozza con gli sposi trainata da cavalli bianchi. Fatto confermato da Mandeep Mudhar, un autista locale, che su Facebook ha commentato:

“Dietro alla carrozza c’erano parecchie auto costose che bloccavano le tre corsie, non tenevano in considerazione i semafori. “Circa sei auto hanno attraversato un incrocio a T senza guardare né a destra né a sinistra e ci siamo dovuti bloccare tutti perché non avevano intenzione di fermarsi.

“Erano almeno 50 auto, tra cui Bentley, Range Rover, monovolume truccate. Incredibile”. Una portavoce della polizia del Warwickshire ha dichiarato: “Gli agenti hanno disperso la folla. Un uomo di 43 anni è stato denunciato per violazione delle norme Covid”.

Il matrimonio, secondo quanto riportato dal Daily Mail, ha avuto luogo il 3 novembre, due giorni prima che nel Regno Unito fosse dichiarato il secondo lockdown nazionale.

Al momento i matrimoni sono consentiti solo nei casi in cui uno sposo o una sposa siano gravemente malati e possono partecipare solo 6 persone. Prima del lockdown nazionale erano autorizzate a partecipare alla cerimonia non più di 15 persone, anche se in chiesa o in un altro luogo poteva essere praticato il distanziamento sociale. (Fonte: Daily Mail)