Isis, convertito all’Islam confessa: “Volevo fare una strage a Londra, a Oxford Street”

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 agosto 2018 18:04 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2018 18:04
Isis, convertito all'Islam confessa: "Volevo fare una strage a Londra, a Oxford Street"

Isis, convertito all’Islam confessa: “Volevo fare una strage a Londra, a Oxford Street” (Foto social media)

LONDRA – Voleva colpire la popolare e affollata Oxford Street e fare un centinaio di vittime: lo ha confessato lui stesso al tribunale londinese di Old Bailey. Lui si chiama Lewis Ludlow, ha 26 anni ed è inglese, originario di Rochester, nel Kent. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Si è convertito alcuni anni fa all’Islam e ha confessato di aver pianificato una serie di azioni terroristiche a Londra da compiere per il cosiddetto Stato Islamico.

Tra le azioni che aveva in programma di compire, un attentato alla guida di un camion in Oxford Street e altri due al museo di Madame Tussaud ella cattedrale di St. Paul.

Ludlow, che dopo la conversione si faceva chiamare anche Ali Hussain, ha detto che sperava di poter uccidere 100 persone. Aveva fatto diversi sopralluoghi nei posti che avrebbe voluto colpire, per sapere anche quali fossero i momenti della giornata in cui c’era più gente, in modo da fare più vittime.

L’imputato si è inoltre dichiarato colpevole d’aver raccolto fondi da destinare a jihadisti all’estero, mentre ha negato di aver progettato di unirsi a miliziani dell’Isis nelle Filippine, come sospetta la polizia che lo arrestò in aeroporto a Londra ad aprile, con un biglietto proprio per l’arcipelago asiatico.

Lewis Ludlow era nel mirino della polizia dal 2010, quando prese parte ad una manifestazione promossa dall’imam radicale Anjem Choudary e dal suo gruppo vietato Al-Muhajiroun.

Gli investigatori, inoltre, lo aveva sorpreso a scattare foto proprio in Oxford Street: fra il megastore della Disney e la stazione della metropolitana di Oxford Circus.