Italiani prendono a bordo migranti: “Urla di bimbi nel buio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 agosto 2015 16:02 | Ultimo aggiornamento: 11 agosto 2015 16:02
Grecia, migranti soccorsi da turisti italiani: "Urla di bambini"

Migranti appena sbarcati in Grecia

ROMA – Carlotta Dazzi la notte scorsa era in barca con marito e due figli, stavano riposando dopo una giornata di mare, ormeggiati a sud di Pserimos, isoletta vicina a Kos. Sono stati svegliati da urla di bambini e non erano vacanzieri come loro, ormeggiati su un’isoletta greca. Erano profughi siriani, arrivati proprio in quel momento al termine di un viaggio della speranza. E’ la stesa Dazzi, giornalista, a raccontare quello che ha visto e fatto: non si è limitata ad essere testimone di uno sbarco ma ha attivamente aiutato quelle persone ad arrivare sane e salve a terra.

“Sono state le urla dei bambini a svegliarci. Subito sono schizzata in pozzetto perché ho capito cosa stava succedendo. Non si vedeva un cavolo, buio pesto. Solo lamenti infantili, che sentivamo a poche decine di metri da noi, vicino agli scogli”.

“Ci siamo avvicinati per farli arrivare in spiaggia in modo sicuro, altrimenti avrebbero dovuto arrampicarsi sulla scogliera, sarebbe stato molto pericoloso, soprattutto perché c’erano tanti bambini. Erano circa 45 siriani, tra cui 11 bambini di cui la maggior parte molto piccoli. Un sei o sette giovani madri, un anziano signore con stampelle e un femore malconcio, sua moglie e tanti ragazzi, molti minorenni sicuramente”.

“Appena sbarcati sulla spiaggia di Pserimos – continua Carlotta – abbiamo portato loro acqua, pane, biscotti. Li ho rassicurati e gli ho spiegato dov’erano. Pensavano di essere a Kos e la prima cosa che mi hanno chiesto è stata “dov’è il campo profughi, dov’è la polizia?””.

La Grecia è stata presa d’assalto dai profughi questa estate: tra sabato e lunedì sono state soccorse più di 1400 persone a Lesbos, Chios, Samos, Agathonisi e a Kos. Dall’inizio dell’anno gli sbarchi sulle isole greche superano le 124 mila unità, il 750 % in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dati dell’Unhcr delle Nazioni Unite.