Kosovo: sono ancora 1.781 i dispersi per la guerra

Pubblicato il 28 Aprile 2012 1:35 | Ultimo aggiornamento: 28 Aprile 2012 1:58

PRISTINA, 27 APR – Sono 1.781 le persone che risultano ancora disperse per le conseguenze del conflitto armato della fine degli anni novanta in Kosovo. Lo ha detto oggi a Pristina il capo della missione europea in Kosovo Eulex, il francese Xavier de Marnhac. Parlando nella Giornata degli scomparsi in Kosovo, de Marnhac ha detto che Eulex assiste il Dipartimento di medicina legale del ministero della giustizia kosovaro nei suoi sforzi per stabilire la sorte degli scomparsi. A questo scopo sono molto intensi i contatti con le associazioni dei familiari, con famiglie singole e con altre organizzazioni.

A 12 anni dalla fine della guerra, quasi 300 resti umani sono stati restituiti alle famiglie. Sono stati esaminati migliaia di documenti e piu' di 1.300 campioni ossei sono stati sottoposti alle analisi del Dna. Furono piu' di 13 mila le vittime della guerra della fine degli anni novanta fra le forze serbe di Slobodan Milosevic e gli indipendenti albanesi dell'Esercito di liberazione del Kosovo (Uck).