Lettonia. Falso tweet: “Banche in difficoltà”. E’ assalto ai bancomat

Pubblicato il 12 Dicembre 2011 15:19 | Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2011 15:21

RIGA – Un falso tweet sulle banche in difficoltà ha generato l’assalto ai bancomat in Lettonia. Da domenica 11 dicembre i correntisti hanno prosciugato i contati disponibili nei bancomat delle banche svedesi tra cui la Swedbank, la più importante del paese. Il tweet è stato smentito lunedì mattina, ma in poche ore oltre 10 mila risparmiatori hanno “svaligiato” 130 dei 300 bancomat del paese, prelevando ben 10 milioni di lats, circa 14 milioni di euro.

La Swedbank ha smetito le false notizie circa le sue difficoltà, dichiarando che “le voci sono prive di fondamento” e che “la Swedbank è una delle banche più solide d’Europa”. gli inquirenti ora hanno avviato indagini per aggiotaggio, legato alle voci diffuse sul web. Maris Mancinskis, a capo della Swedbank in Lettonia, ha poi sottolineato che il panico tra i risparmiatori può essere legato al fallimento improvviso della Latvijas Krajbanka, che lo scorso novembre è stata chiusa per frode contro la Snoras Bank, sua proprietaria.

I lettoni forse ricorderanno anche quando nel 2008 le banche lituane chiesero l’aiuto del Fondo Monetario Internazionale e dell’Unione europea per il collasso della Parex Bank. Il ministro dell’Economia Daniels Pavluts ha rassicurato dicendo che la Swedbank “è solida”, con il 23 per cento dei capitali ed il 52 per cento della liquidità.