Londra, accoltellato a morte un diciottenne. Nel 2018 già 60 omicidi

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 aprile 2018 8:09 | Ultimo aggiornamento: 17 aprile 2018 8:09
Accoltellamento nella notte a Londra

Londra, accoltellato a morte un diciottenne. Nel 2018 già 60 omicidi (Foto Ansa)

LONDRA – Ancora un omicidio a Londra, che si conferma come una delle città più violente del mondo.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Nella notte tra lunedì e martedì 17 aprile un ragazzo di diciotto anni è morto, accoltellato nell’ennesimo agguato registrato dall’inizio dell’anno nella capitale britannica.

Questa volta teatro dell’omicidio è stata Chestnut Avenue, nella zona di Forest Gate, settore est della metropoli. La polizia è intervenuta per prestare soccorso, ma non c’è stato nulla da fare: il ragazzo è spirato dopo poco più di un’ora e mezzo.

Il numero delle vittime di accoltellamenti in città si avvicina ormai a quota 40 nel solo 2018, mentre gli omicidi in tutto sono una sessantina.

In undici occasioni, inoltre, a perdere la vita sono stati minorenni, sullo sfondo di episodi che si incrociano spesso con la piaga delle gang giovanili, dilagante soprattutto in alcuni quartieri, e che colpiscono spesso persone di minoranze etniche.

Come per altri casi precedenti, Scotland Yard ha lanciato anche a Forest Gate un pressante appello a tutti i possibili testimoni di quanto accaduto a farsi vivi.

Solo poche settimane fa sono stati diffusi i dati in base ai quali Londra viene indicata per la prima volta come città più violenta di New York per numero di omicidi e crimini gravi pro capite. 

Secondo gli esperti, a parità di popolazione (circa 8 milioni di persone) New York è riuscita a ridurre gli atti criminali con una politica di tolleranza zero da parte della polizia, che ha fatto sì che negli ultimi venti anni gli omicidi siano passati da 2.000 a 230 l’anno. A Londra, invece, non sono solo le uccisioni ad aumentare. Nella città, infatti, il rischio di rapina in casa è sei volte più alto che a New York, quello di essere derubato una volta e mezzo e quello di subire una violenza sessuale tre volte.