Londra. Figlia ha fidanzato segreto: la obbligano al test di verginità e minacciano di morte

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 settembre 2018 5:00 | Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2018 19:20
Londra, test verginità e minacce alla figlia e al fidanzato segreto

Londra. Figlia ha fidanzato segreto: la obbligano al test di verginità e minacciano di morte

LONDRA – A  Clapham, nel sud di Londra, Mitra Eidiani, 42 anni, e Ali Safaraei, 56 anni, volevano obbligare la figlia 18enne Sophia a sottoporsi al test di verginità, avvertita che l’avrebbero rispedita “di nuovo in Iran per sposare un cugino” e poi minacciato di morte lei e il fidanzato segreto. La coppia aveva accompagnato la ragazza a fare il test ma il medico di base, dopo rifiuto di Sophia non aveva potuto esaminarla.

La 18enne non solo si è rifiutata ma ha denunciato l’abuso alla stazione di polizia di Wimbledon. In tribunale la giovane ha riferito che il fidanzato Bailey Marshall-Telfer, 18 anni, dopo un’incursione notturna dei genitori nella camera della figlia, è stato costretto a nascondersi sul tetto dell’abitazione.

“Presi alla sprovvista siamo entrati in panico e gli ho detto di nascondersi sul tetto. Eravamo spaventati, non sapevamo cosa aspettarci e ovviamente per mia madre sarebbe stato uno shock”. Secondo quanto sostenuto dal procuratore David Povall: “Il padre è entrato nella stanza urlando, dicendo che l’avrebbe uccisa e che avrebbe dovuto verificare se fosse ancora vergine”, scrive il Daily Star.

In tribunale è emerso che la madre era furiosa, aveva morso la figlia, mentre il padre saliva al piano di sopra con un coltello e un paio di forbici. Parlando protetta da uno schermo, Sophia ha detto ai giurati: “Mio padre è entrato nella stanza armato di un grosso coltello da cucina e ha detto che dovevo fare il test”. Safaraei ed Eidiani, negano le accuse, l’avvocato difensore ha precisato che il padre non è musulmano e non era contrario al fatto che la figlia avesse un fidanzato