Maddie McCann, c’è una cantina nascosta nel giardino di Hannover

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 Luglio 2020 15:07 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2020 15:07
Maddie McCann, c'è una cantina nascosta nel giardino di Hannover

Maddie McCann, c’è una cantina nascosta nel giardino di Hannover (Foto Ansa)

Trovata una cantina nascosta nel giardino di Hannover. Le novità sulle indagini per la scomparsa della piccola Maddie McCann.

La cantina, secondo quanto ipotizza il quotidiano Bild, sarebbe nascosta sotto terra. In quel giardino che ora la polizia tedesca sta passando al setaccio, avrebbe vissuto per un anno, Christian Brueckner, il 43enne pedofilo tedesco principale sospettato per la morte di Maddie McCann.

Secondo la Bild, gli inquirenti si sono imbattuti nei resti delle fondamenta di una casa con giardino precedentemente demolita.

Tra i resti delle fondamenta sarebbe stato trovato un ambiente identificato come cantina. Le forze dell’ordine presenti però non confermano. 

Wolfgang Kossack, un 73enne proprietario del giardino accanto, ha raccontato al Daily Mail che Brueckner arrivò nella proprietà nel 2007, l’anno in cui Maddie è sparita in Portogallo. All’epoca nel giardino c’era un capanno di legno che è stato demolito l’anno dopo.

“Non faceva giardinaggio, se ne stava seduto fuori a bere birra”, ha raccontano il vicino rivelando che Brueckner gli confessò di non aver registrato il nuovo indirizzo di residenza.

“Nessuno sapeva che stava lì”. Ogni tanto lo veniva a trovare una “giovane donna, sembrava la sua fidanzata”. Aveva anche due cani, uno grande e uno piccolo. Prima di sparire disse che stava pianificando di “tornare in Europa meridionale”. (Fonti: Bild, Daily Mail).

Le indagini

La morte di Maddie McCann, piccola inglese svanita nel nulla in Portogallo a neppure 4 anni nel 2007 mentre era in vacanza con i genitori a Praia de Luz (Algarve), non è una vaga ipotesi investigativa, bensì uno scenario tristemente concreto.

 C’è voluta una dichiarazione esplicita della procura di Brunswick (Braunschweig), in Germania.

La Procura di Brunswick è l’autorità inquirente che nei giorni scorsi ha aperto dopo 13 anni le porte a una svolta sul caso.

Il sospetto è il pedofilo pluripregiudicato tedesco oggi 43enne Christian Brueckner.

La pista è quella dell’omicidio, ha ribadito un portavoce, confermando quanto già detto dal procuratore capo Hans Christian Wolters.

Le indagini intanto proseguono, con gli investigatori tedeschi alla ricerca anche di un campione di saliva trovato nella stanza del resort in cui Maddie dormiva con i due fratellini quella sera di 13 anni fa in cui sparì mentre i genitori cenavano con amici in un locale vicino.

Campione che, secondo quanto riporta SkyNews, Wolters vuol far riesaminare rispetto alla mancata traccia dei dna di Brueckner emersa dal risultato dei test svolti in Portogallo.