Mamma uccide il figlio neonato con 21 colpi di forbici, poi getta il cadavere nella spazzatura

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 13 Gennaio 2021 15:26 | Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio 2021 15:26
Mamma uccide il figlio neonato

Mamma uccide il figlio neonato con 21 colpi di forbici, poi getta il cadavere nella spazzatura

Una mamma di 30 anni, Anastasia Skorychenko, ha ucciso il figlio appena partorito con 21 colpi di forbici e poi lo ha gettato nella spazzatura. La storia terrificante arriva dall’Ucraina, da Mykolaiv, cittadina di quasi mezzo milione di residenti che si trova nel nord del Paese. Una storia di disperazione, ma anche di inaudita violenza che sta sconcertando tutti. 

La donna, già madre di due bambine, non sapeva come avrebbe potuto fare per mantenere anche questo figlio. Ha tenuto nascosta la gravidanza fino all’ultimo, poi ha preso una decisione estrema. Quando ha iniziato a sentire le contrazioni di notte, la 30enne si è alzata dal letto ed è andata in balcone per non allertare nessuno e agire indisturbata. Quel corpicino appena venuto al mondo è stato straziato da 21 colpi di forbici, utilizzate poco prima per tagliare il cordone ombelicale. Poi si è disfatta del cadavere gettandolo nei rifiuti.

Mamma uccide il figlio appena nato: “Non potevo mantenere pure lui”

Il fatto è avvenuto una settimana fa. La donna era in casa con le due figlie, di sette e quattro anni, e la madre. La mattina seguente la busta contenente il cadavere del neonato è stata trovata da una donna che ha chiamato ambulanza e polizia. Anastasia è stata interrogata dagli agenti e ha subito ammesso la propria colpevolezza, appena poche ore dopo l’omicidio.

La donna ha provato a giustificarsi davanti ai giudici accennando alle proprie difficoltà economiche: “L’ho fatto perché non posso mantenere un altro figlio”. Le perizie hanno confermato che la donna era perfettamente capace di intendere e di volere e non è vittima di alcuna forma depressiva. L’ammissione di colpa, ha permesso alla donna di ricevere uno sconto sulla pena. (fonte IL GIORNALE)