Meghan Markle, il Daily Mail: “Andrà a vivere in una triste villetta di periferia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 maggio 2018 6:06 | Ultimo aggiornamento: 4 maggio 2018 18:15
 Meghan Markle, il Daily Mail: "Andrà a vivere in una triste villetta di periferia" (foto Ansa)

Meghan Markle, il Daily Mail: “Andrà a vivere in una triste villetta di periferia” (foto Ansa)

LONDRA – Meghan Markle ha molte aspettative sul prossimo ruolo di duchessa reale, ha già avuto un assaggio della vita esclusiva che condurrà, fatta di diademi, inchini, palazzi e fondi illimitati.

Cosa farà, allora, vedendosi costretta a vivere in una casa di campagna descritta come “una triste villetta”, un “orribile cottage di periferia” e “un luogo privo di valore”?, è la domanda del Daily Mail.
La coppia vive già in un appartamento londinese, Nottingham Cottage a Kensington Palace ma dove sarà la residenza di campagna ancora non è noto.
La casa di Carlo, ad Highgrove, racchiude troppi ricordi infelici dell’infanzia, considerata la vicinanza tra i due fratelli, avrebbe più senso un posto vicino ad Anmer Hall nella tenuta di Sandringham, in cui vive William. Ma dove?

Come riportato dal tabloid britannico, i due futuri sposi hanno pensato a York Cottage, a un passo dalla “grande casa” di Sandringham, dove risiede la regina ma prima del matrimonio forse dovrebbero allargare la ricerca.
Secondo un visitatore, York Cottage era “una triste villetta circondata da boschetti di alloro e rododendri, con uno stagno, all’interno delle camere in quercia, simili a quelle di qualsiasi casa di Surbiton”.
La regina Vittoria etichettò l’orrore in mattoni rossi “sfortunata e triste”.
Meghan, cresciuta in uno stato americano illuminato dal sole dove la temperatura raramente scende sotto i 21° troverà rigido il clima dell’East Anglia, con i venti che arrivano dal Polo Nord, abbastanza difficili da sopportare.
Perché accettare un simile regalo di nozze? Sembra che a donare la villetta sia stata la regina e sarebbe stato sgarbato rifiutare.

Attualmente York Cottage funge da ufficio del personale della tenuta di Sandringham, e parte è stata trasformata in appartamenti, per cui sarebbe necessaria un’enorme ristrutturazione per portarla a uno standard adeguato al principe Harry, sesto in linea di discendenza al trono. Ma perché accettarla?
Per 33 anni, è stato l’amato ritiro di campagna del nonno della regina Giorgio V, a cui piacevano le stanze perché gli ricordavano gli alloggi della Marina.
Giorgio, come Harry, era il secondo figlio, non si aspettava di salire al trono ma il fratello maggiore Eddy, duca di  duca di Clarence, morì improvvisamente a 28 anni.
Per il matrimonio ricevette quello che all’epoca si chiamava Cottage dei Bachelors, scapoli, realizzato per gli ospiti celibi a Sandringham.

Uomo dai gusti semplici, non voleva niente di più grande. La casa era stata progettata dal colonnello Edis, un vecchio amico di Edoardo VII, ma secondo il biografo James Pope-Hennessy:”Il principale svantaggio è che non era affatto un architetto”.
Dal blocco da disegno di Edis arrivò un labirinto di passaggi tortuosi, scale strette e camere da letto grandi quanto l’armadio di una cameriera. La nursery riusciva a malapena a contenere un piccolo cavallo a dondolo.
Non c’erano abbastanza bagni e nessuno ne aveva uno privato. Anche quando morì il padre e diventò re, Giorgio rimase lì mentre la madre, la regina Alexandra,  nella grande casa di Sandringham.
Per ospitare Giorgio V e la sua famiglia, York Cottage è stato ampliato due volte, il che secondo Pope-Hennessy l’ha reso ancora più “antico”.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

Ma c’era di peggio: York Cottage era abitato dal fantasma del fratello maggiore di Re Giorgio, il principe Eddy che, secondo alcuni è stato il peggior re che il Regno Unito non abbia mai avuto.
Vita sessuale promiscua, soffriva di gonorrea, un uomo senza cervello, scrive il Daily Mail. Gli piacevano le donne, e i colleghi ufficiali per ingraziarselo lo incoraggiavano a provare nuove esperienze.
È stato persino sospettato, poi l’equivoco fu chiarito, di essere Jack lo Squartatore.
Il futuro Edoardo VIII, secondo il suo biografo Philip Ziegler, odiava York Cottage, perché “simboleggiava tutto ciò che non gli piaceva della vita familiare”. –
A parte re Giorgio V, a nessuno piaceva il cupo cottage di mattoni rossi e nessun reale tornò a viverci.
Per Meghan e Harry, il lato positivo è che si trova vicino ad Anmer Hall, dove risiedono William e Kate, e se avranno dei figli i cugini saranno dei compagni di giochi.
Ma è un posto gioioso per la futura casa? Meghan deve ancora imparare che quando si diventa una principessa ci sono anche pesanti prezzi da pagare.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other