“Michael Schumacher vivrà ma rischia la paralisi”, dice l’amico Philippe Streiff

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 gennaio 2014 15:35 | Ultimo aggiornamento: 5 gennaio 2014 15:36
"Michael Schumacher vivrà ma rischia la paralisi", dice l'amico Philippe Streiff

Michael Schumacher (Foto Lapresse)

PARIGI – “Michael Schumacher vivrà, ma rischia la paralisi”: a dirlo è Philippe Streiff, ex pilota della Williams e amico di Schumi. E semiparalizzato dal 1989, quando si schiantò durante una prova del gran premio di Formula 1 a Rio.

Francesca Pierantozzi del Messaggero riferisce i timori di Streiff per il futuro del campione della Ferrari, in rianimazione all’ospedale di Grenoble, in Francia, dopo un terribile schianto contro una roccia mentre stava sciando, il 29 dicembre scorso.

Streiff ha paura che Schumacher sia condannato alla sua stessa sorte, alle emiplegia, costretto su una sedia a rotelle, o anche peggio. Streiff, riferisce Pierantozzi, ha parlato con Gerard Saillant, celebre chirurgo francese amico di Schumacher e Ronaldo, andato a Grenoble “a titolo personale”. Streiff ha detto a Radio Montecarlo:

“Saillant mi ha detto che le condizioni di Michael sono serie, ma che la sua vita non è più in pericolo, per fortuna. Adesso gli fanno scanner ogni giorno per vedere come si riassorbe l’edema cerebrale. Più si riassorbirà velocemente, meno ci saranno conseguenze. Ormai sappiamo che l’edema era bilaterale lunedì scorso e che ora resta soltanto sul lato sinistro e questo è già un progresso. Ma se non ci saranno evoluzioni presto, c’è il rischio di emiplegia del lato opposto, il destro, che purtroppo è anche il lato della voce. Ci sarà sicuramente rieducazione, spero che riuscirà a ritrovare l’uso della parola e degli arti”.