Migranti, barcone verso l’Italia. Salvini accusa Malta: “Ci risiamo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 novembre 2018 18:48 | Ultimo aggiornamento: 24 novembre 2018 18:48
MIGRANTI SALVINI

Migranti, barcone con 200 migranti verso l’Italia. Salvini accusa Malta: “Ci risiamo”

ROMA – Il Mar Mediterraneo torna a uccidere. A due giorni dal loro ritorno in mare, si riaccendono gli “occhi scomodi” delle ong.

Ieri sera Mediterranea e OpenArms hanno lanciato un appello per un gommone in difficoltà, con oltre 120 migranti a bordo. Alcuni di loro sono morti annegati, secondo quanto riferito dagli attivisti, mentre gli altri sono poi stati presi in consegna prima da un rimorchiatore e poi dalla guardia costiera libica.

“Nessun morto”, smentisce però dalla Libia il portavoce della Marina, Ayob Amr Ghasem, senza fornire altri dettaglia.

“Tanti saluti a scafisti e Ong”, il commento del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che torna intanto a puntare il dito contro La Valletta, segnalando che “un pattugliatore maltese ha invertito la rotta, abbandonando un gommone con 150/200 immigrati in mezzo al Mediterraneo e in direzione dell’Italia: è l’ennesima vergogna, degna di questa Unione europea incapace e dannosa”.

“La sfida immigrazione è a lungo termine e richiede una risposta strategica, strutturata”, spiega il premier Giuseppe Conte aggiungendo che “ridurre gli sbarchi significa contribuire a scardinare la rete di trafficanti di essere umani, significa soprattutto ridurre il numero di vittime in mare. Questo governo sin dall’inizio ha sollecitato una risposta complessiva dell’Europa. Questa risposta ancora fa fatica a essere attuata e lo dico con un certo rammarico”.

Arriva, invece, da Alarm Phone – il supporto telefonico dedicato ai migranti che tentano la disperata traversata – l’appello all’Europa perché soccorra un’altra nave, questa volta al largo delle coste del Marocco, con 70 persone a bordo, già da giovedì. “Molti sono morti”, si legge nel tweet di allerta, “Spagna e Marocco sono state informate ma non hanno disposto alcuna operazione di salvataggio”.

E’ di ieri sera l’allarme lanciato da Mediterranea, tornata al largo delle coste libiche proprio nel pomeriggio insieme con OpenArms e Sea Watch in quella che è stata definita una “missione solidale” contro il tentativo di “desertificazione del Mediterraneo”. “Centoventi persone rischiano di annegare adesso”, l’allarme degli attivisti dopo aver ricevuto la segnalazione di un gommone in avaria. La ‘Mare Jonio’ avrebbe quindi informato il centro di coordinamento italiano e, su suggerimento di Roma, quello libico “senza avere risposta”.

In nottata i migranti, oltre cento, sono stati soccorsi da un rimorchiatore in servizio presso le piattaforme davanti alla Libia. Ha recuperato i migranti, poi consegnati ad una motovedetta della Guardia costiera libica, che ha comunicato alle autorità italiane di aver preso il coordinamento dei soccorsi. “Dove sono i naufraghi soccorsi? Quali sono le loro condizioni di salute?”, le richieste delle ong impegnate in mare.