Migranti, Danimarca blocca strade e treni dalla Germania

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Settembre 2015 17:19 | Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2015 13:15
Migranti, Danimarca blocca treni dalla Germania e autostrade

Il premier danese Lars Løkke Rasmussen

COPENHAGEN –  Dopo l‘annuncio sui giornali libanesi per chiedere ai migranti siriani di non venire, la Danimarca passa ai fatti e blocca i treni in arrivo dalla Germania. “Traffico ferroviario sospeso a tempo indeterminato”, annunciano le Ferrovie danesi, mentre la polizia chiude per “ragioni di sicurezza” alcune superstrade nel Nord del Paese dirette in Svezia.

Una decisione presa dopo che 300 rifugiati, bambini compresi, hanno attraversato il Paese diretti nel Paese scandinavo. Qui, infatti, le regole verso i profughi sono meno rigide di quelle introdotte dal nuovo governo di centrodestra del premier Lars Lokke Rasmussen. 

Martedì il governo danese ha fatto pubblicare sui giornali libanesi un annuncio in arabo e in inglese in cui sconsiglia ai profughi siriani accolti in Libano di andare in Danimarca. L’annuncio, firmato dal ministero dell’immigrazione danese, precisa che il nuovo governo di Copenaghen ha introdotto delle norme che riducono fino al 50% i sussidi ai profughi appena giunti nel Paese e che limitano le possibilità di ottenere il permesso di soggiorno.

Questo proprio mentre in Ungheria il governo di Viktor Orban cambia rotta: i migranti che attraversano il confine dalla Serbia, nel sud del Paese, vengono caricati a bordo di autobus diretti a Gyor, a due passi dal confine con l’Austria. Nella stazione Keleti a Budapest a centinaia salgono su treni per Vienna o per Monaco. Mentre a Rozske, vicino al confine con la Serbia, la polizia ungherese ha tolto i blocchi ed è scoppiato il caos. “I profughi hanno iniziato a camminare nei campi e sulle strade circostanti”, raccontano alcuni responsabili dei volontari che hanno allestito la tendopoli a circa un chilometro dal muro voluto da Viktor Orban (Foto da Twitter).