Migranti, Merkel accoglie 1500 rifugiati dopo l’incendio nel campo migranti di Lesbo

di Caterina Galloni
Pubblicato il 19 Settembre 2020 7:06 | Ultimo aggiornamento: 15 Settembre 2020 17:29
Angela Merkel, foto Ansa

Migranti, Merkel accoglie 1500 rifugiati dopo l’incendio nel campo migranti di Lesbo (foto Ansa)

A seguito dell’incendio nel campo migranti di Moria, isola di Lesbo, Angela Merkel si è impegnata ad accogliere altri 1.500 rifugiati rimasti senza un riparo.

Le autorità greche temono tuttavia che ciò possa spingere ad appiccare incendi dolosi su altre isole. Angela Merkel e il ministro dell’Interno Horst Seehofer si sono accordati sull’accoglienza di altri 1.500 profughi del campo di Moria.

Più di 12.000 persone, per lo più rifugiati dall’Afghanistan, dall’Africa e dalla Siria, sono rimaste senza riparo, servizi igienici adeguati, cibo e acqua.

In totale attualmente sulle isole greche sono presenti circa 30.000 rifugiati e migranti. Il quotidiano tedesco Bild, afferma che Atene è preoccupata che l’invio di migranti in Germania possa causare una reazione a catena su altre isole greche.

Le autorità greche, che accusano i migranti di aver appiccato il fuoco al campo per sollecitare un’iniziativa, temono che dando l’impressione di cedere alle richieste dei rifugiati che protestano,nei campi di migranti su altre isole potrebbe scattare l’effetto imitazione di Lesbo.

“Ciò di cui abbiamo bisogno è un programma solido che non ponga ulteriori problemi, ma aiuti effettivamente le persone. Sono attualmente allo studio diverse opzioni”, ha detto a Bild un membro del governo greco.

Il quotidiano tedesco, citando fonti governative, ha riportato che la Merkel è pronta ad accogliere “centinaia di bambini e le loro famiglie, forse anche migliaia”.

Il vicecancelliere e ministro delle Finanze Olaf Scholz ha affermato che la Germania, come paese ed economia più grandi d’Europa, per aiutare i migranti di Moria “deve compiere un secondo passo sostanziale”. (Fonte: Daily Mail).