Noa Pothoven, dopo la sua morte boom di richieste eutanasia dall’estero in Olanda

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 giugno 2019 10:00 | Ultimo aggiornamento: 8 giugno 2019 10:00
Noa Pothoven morta

Noa Pothoven, dopo la sua morte boom di richieste eutanasia dall’estero in Olanda

L’AJA – La clinica olandese per l’eutanasia, l’unica presente nel Paese, ha avuto un boom di richieste dall’estero dopo la diffusione della notizia, errata, secondo cui l’istituto aveva aiutato la giovane Noa Pothoven a morire.

Dalla pubblicazione della storia della 17enne, che in realtà si era lasciata morire in casa, la Levenseindekliniek (clinica di fine vita) a L’Aja ha ricevuto almeno 25 richieste dall’estero. In media erano due o tre. 

“Non vogliamo il turismo dell’eutanasia” in Olanda, afferma Steven Pleiter, amministratore.-wwwww, delegato della Levenseindekliniek. “Questo non è assolutamente ciò a cui miriamo e non è ciò per cui siamo stati istituiti”, spiega. “Una persona non può venire in Olanda solo per l’eutanasia, non è come arrivare lunedì e ottenerla venerdì”. 

5 x 1000

L’Olanda è uno dei pochi Paesi in cui l’eutanasia è legale e per legge tutte le persone di età superiore ai 12 anni hanno il diritto di chiederla – ma devono prima soddisfare una rigida serie di criteri. I media olandesi avevano scritto che anche Pothoven si era rivolta il dicembre scorso alla clinica per porre fine alla sua vita ma questa si sarebbe rifiutata per la giovane età della ragazza.

L’amministratore non ha voluto commentare: “Mi dispiace molto per Noa Pothoven, che ha scoperto che non poteva più vivere e non poteva avere l’aiuto che stava cercando e che doveva porre fine alla sua vita”, spiega Pleiter. “Noa ha deciso di porre fine alla sua vita smettendo di mangiare e bere. La Levenseindekliniek non è stata coinvolta nel fornire l’eutanasia a Noa”, aggiunge.

Secondo le leggi olandesi che legalizzarono l’eutanasia nel 2002, i minori di 16 anni hanno bisogno del permesso dei genitori e dei tutori, mentre i genitori devono essere coinvolti nel processo per i bambini di 16 e 17 anni. A partire dai 18 anni, qualsiasi cittadino olandese può chiedere il suicidio assistito. In tutti i casi, il paziente deve avere “sofferenze intollerabili e senza fine” e attenersi a una serie di condizioni rigide stabilite dalla legge olandese.

Fonte: Agi