Norvegia. Operai petroliferi: “Su lo stipendio”. Prendono 143mila € l’anno…

Pubblicato il 30 agosto 2012 13:21 | Ultimo aggiornamento: 30 agosto 2012 13:22

NorvegiaOSLO – Gli operai del petrolio sono in sciopero in Norvegia. I 143mila euro l’anno di stipendio non gli bastano: vogliono aumenti e pensione anticipata. Una richiesta che può sembrare strane in tempi di crisi, ma che non lo è per la Norvegia. A Oslo la crisi non è arrivata. Nel 2012 l’economia norvegese è cresciuta del 5%, non ha accumulato debiti ed ha messo da parte 600 milioni di dollari. Tutto merito del petrolio, che vale il 20% del Pil.

E così nonostante la parola crisi non sfiori nemmeno la Norvegia, i suoi lavoratori sono in sciopero e agitazione. Ad agosto i petroliferi hanno indetto 16 giorni di sciopero sulle petroliere per chiedere il diritto alla pensione anticipata. Sciopero che potrebbe essere seguito anche dai lavoratori dei servizi a terra.

Non solo gli operaio del petrolio sono in agitazione: insegnanti, impiegati pubblici e del servizio aeroportuale chiedono aumenti e più diritti. D’altronde la Norvegia è il terzo esportatore di petrolio nel mondo e potrebbe permettersi quanto chiedono i suoi lavoratori.

Ma assecondare le richieste sarebbe rischioso. La Norvegia ne perderebbe in competitività, come ha spiegato Ryan Lance, amministratore delegato delle raffinerie ConocoPhillips: Quello che sta accadendo rende il paese meno competitivo di come era una settimana, due settimane o un mese fa in termini di investimento. È sempre un paese attraente, ma lo diviene sempre meno”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other