Parigi, chiude per lavori il mitico Hotel Ritz

Pubblicato il 18 ottobre 2011 21:03 | Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2011 21:07

PARIGI, 18 OTT – Ha ospitato star e personaggi famosi come Coco Chanel, Marilyn Monroe, Marcel Proust e Ernest Hemingway, fino a Lady Diana. E ancora oggi tra i suoi clienti piu' fedeli ci sono personalita' come il regista Woody Allen, la premiere dame di Francia Carla Bruni, e la top model britannica Kate Moss.

Il mitico Hotel Ritz di Parigi, al numero 15 di Place Vendome, tra gli alberghi piu' lussuosi e celebri della capitale francese, chiudera' i battenti la prossima estate per oltre due anni di lavori di ristrutturazione e la maggioranza dei suoi 500 dipendenti, si parla di almeno 450 persone, verra' licenziata. Un profondo restauro attende altri mitici hotel parigini come il Crillon e il Plaza-Athenee.

Secondo fonti di stampa il cantiere, colossale, del Ritz ha un valore di 200 milioni di dollari (circa 150 milioni di euro). ''Solo una trentina di posti di lavoro saranno mantenuti per gestire l'hotel durante i lavori, assicurare la sua visibilita', e preparare la riapertura'', spiega all'ANSA l'ufficio stampa del Ritz, proprieta' del miliardario egiziano Mohammed Al Fayed, il papà di Dodi, morto nel tunnel dell'Alma insieme a Lady Di.

L'albergo ''chiudera' la prossima estate per 27 mesi e le trattative con i sindacati sono iniziate ieri per stabilire quanti posti saranno effettivamente tagliati'', aggiunge la fonte, lasciando poche speranze ai dipendenti attuali. ''I licenziamenti sono veri licenziamenti, non ci sono garanzie che tutti i 450 dipendenti licenziati verranno riassunti. Qualcuno potrebbe essere reinserito, ma garantiremo gli ammortizzatori sociali per rendere questa separazione meno dolorosa possibile'', precisa infatti l'ufficio stampa.

L'ultimo grande restauro del Ritz risale a oltre trent'anni fa e l'usura del tempo cominciava a farsi sentire, tra pareti scrostate e servizio scadente. Per non parlare del suo storico chef pluristellato, Arnaud Faye, che ha recentemente lasciato preferendo le cucine del nuovo Mandarin Oriental, nella vicina rue Saint Honore'.

Persino lo Stato ha snobbato il Ritz non ritenendolo all'altezza della denominazione di 'palace', massima categoria dell'eccellenza alberghiera transalpina, e rifilandogli 'solo' cinque stelle per le sue 160 camere e suite proposte a partire da 850 euro a notte. La concorrenza si e' resa ancora piu' spietata con l'apertura di cinque nuovi alberghi extra-lusso come lo Shangri-La e il Royal Monceau.

Anche il Plaza Athenee dell'avenue Montaigne, che ha di recente speso 15 milioni di euro per un esclusivo istituto di bellezza Dior, dovrebbe chiudere per cinque mesi dal novembre del 2012 per lavori per un budget da 70 a 100 milioni di euro. Il Crillon di place de la Concorde, appena riacquistato da un principe saudita, prevede infine di chiudere per due anni di lavori da meta' 2012.

Mohammed al-Fayed aveva comperato l'albergo nel 1979 dagli eredi del fondatore, Cesar Ritz, e lo aveva riportato agli antichi splendori investendo circa 250 milioni di euro in lavori. Ha costruito la piu' bella piscina di Parigi, rinnovato tutte le camere e allestito una cantina con una collezione di vini d'eccezione.

L'obiettivo del futuro restauro, secondo la direzione del Ritz, e' di ''perpetrare la tradizione d'eccellenza instaurata dal suo fondatore''. Le parti storiche verrano ristrutturate nel rispetto di questo luogo che fu costruito all'inizio del Settecento.

Un tunnel colleghera' l'albergo direttamente al parcheggio sottostante affinche' le celebrita' possano entrare ed uscire in incognito, un lusso che non esisteva al tempo di Diana. Nonostante il lifting il Ritz restera' infatti legato alla tragica scomparsa la notte del 31 agosto 1997 della principessa di Galles e del suo compagno Dodi, il figlio maggiore del proprietario, morti in un incidente per sfuggire ai paparazzi all'uscita dell'albergo.