Parigi: tutti pazzi per Point Wc, la griffe che trasforma le toilettes in luoghi chic

Pubblicato il 26 Novembre 2010 16:21 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2010 20:15

una tavoletta del Wc in stile Rococò di Point Wc

Trasforma il locale che ospita il wc in un luogo superchic: succede a Parigi dove un imprenditore si è specializzato in questa attività (è il caso di dirlo) ‘di nicchia’, ma a quanto sembra redditizia, almeno nella capitale francese che si è sempre considerata all’avanguardia in materia di lusso ed eleganza. Grazie all’aiuto di decoratori d’interni, designer e architetti, Eric Salles, questo il nome dell’imprenditore, trasforma i locali wc – che in Francia (contrariamente all’Italia) sono spesso separati dal bagno vero e proprio – in piccoli gioielli.

Spazi curatissimi, che rispondono al gusto dei loro proprietari, racconta oggi il quotidiano Le Parisien. Ma anche toilettes pubbliche che gli utenti difficilmente potranno dimenticare. La sua ‘griffe’, Point Wc, vende anche on-line circa 500 articoli sanitari o decorativi. E c’è anche una divisione specializzata nella consulenza. Con il ritorno delle ‘Dames pipi’ (personale addetto all’igiene dei bagni pubblici), spiega Le Parisien, è finito il tempo dei bagni sporchi, regno di cattivi odori ed incuria. Salles propone di trasformarli in luoghi superospitali, curati nei minimi dettagli.

I suoi primi bagni pubblici sono stati inaugurati presso la Galleria Elysees 26, sulla celebre avenue degli Champs Elysees, poi al Carrousel del Louvre, e infine presso i grandi magazzini Printemps, vero e proprio tempio dello shopping parigino, dove i wc sono decorati in stile etnico, chic, o minimal. All’ingresso, Salles ha anche fatto sistemare una piccola boutique di prodotti per decorare le toilettes di casa propria, ma anche servizi per il benessere e una macchinetta del caffè. Il tutto viene gestito dalle addette alla pulizia dei wc. E c’è anche un piccolo spazio specialmente adibito al trucco delle signore. ”Intorno a ogni wc, ruotano dieci posti di lavoro”, spiega Salles, che con questa iniziativa intende consentire ai disoccupati di rimettersi in attività, guadagnando tra i 1.500 e i 1.600 euro al mese. Ormai a Parigi anche i privati si rivolgono a lui per esaudire i sogni più pazzi: come un parigino che gli ha chiesto di trasformare il suo wc in una tenda napoleonica.