Cronaca Europa

Polacco si ubriaca e sviene. Si sveglia in obitorio e torna al pub a bere…

Polacco si ubriaca e sviene. Si sveglia in obitorio e torna al pub a bere...

Polacco si ubriaca e sviene. Si sveglia in obitorio e torna al pub a bere…

ROMA – Ubriaco fino a sembrare morto, un polacco si risveglia in obitorio. Il giovane, 25 anni, aveva trascorso una serata di bisboccia al pub con gli amici, bevuto troppa vodka ed è svenuto.

Kamil, di Kamienna Gòra, una città a sud-ovest della Polonia, è andato in arresto cardiaco.  I paramedici, accorsi al pub ne ha constatato il decesso e fatto trasportare in obitorio dove hanno provveduto a sistemarlo nella cella mortuaria frigorifera.
Poi, accade l’inimmaginabile: i poliziotti iniziano a sentire dei rumori provenienti dalla cella frigorifera, aprono la porta e trovano Kamil nudo, ovviamente infreddolito, che chiede una coperta. L’uomo viene visitato ed libero di lasciare l’obitorio.

Probabilmente euforico per aver beffato la morte, invece di andare dritto a casa si dirige di nuovo al pub a brindare con gli amici la scampata tragedia. Un episodio simile è accaduto lo scorso anno in Russia, nella regione di Khansanky: un uomo che aveva partecipato a una festa si è ritrovato in obitorio.

Una volta ripresosi, si è trovato bloccato all’interno della cella frigorifera e ha iniziato a bussare per chiamare i soccorsi. Alla fine, una guardia di sicurezza ha sentito il baccano e trovato l’uomo in preda al panico.

Anche nel 2014, la polacca Janina Kolkiewicz, 91 anni, dopo essere stata dichiarata morta, ha trascorso 11 ore nella cella frigorifera dell’obitorio.  Il personale della camera mortuaria era rimasto attonito nel vedere che all’interno della custodia dove si trovava il corpo dell’anziana, c’erano strani movimenti.  Una volta libera, la Kolkiewicz si è riscaldata con una scodella abbondante di zuppa e due fritelle.

To Top