Regno Unito, stop a tutte le restrizioni (di nuovo): dal 26 gennaio niente più mascherine e Green pass

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Gennaio 2022 14:51 | Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio 2022 14:51
Regno Unito restrizioni

Regno Unito, stop a tutte le restrizioni (di nuovo): dal 26 gennaio niente più mascherine e Green pass (foto ANSA)

Boris Johnson dice basta (di nuovo) alle restrizioni extra anti Covid. Lo ha annunciato il Primo Ministro alla Camera dei Comuni, dopo il Question Time, formalizzando dal 26 gennaio la decisione di revocare la raccomandazione del lavoro da casa, il mini Green Pass vaccinale britannico e l’obbligo di mascherine ovunque fra le misure del ‘piano B’ adottato contro la variante Omicron.

Johnson ha citato un calo di contagi grazie al record di terze dosi booster dei vaccini; ma la mossa appare anche un modo per accattivarsi la pancia del gruppo Tory da parte del premier, minacciato da un voto di sfiducia interno al partito sulla sua leadership in seguito allo scandalo Partygate. 

Nel Regno Unito stop a tutte le restrizioni anti Covid

Dalla prossima settimana, quindi, non sarà più obbligatorio indossare la mascherina sui mezzi pubblici e nei negozi. Viene meno anche la raccomandazione alle aziende di incentivare lo smart working, mentre non sarà più necessario il Green pass rafforzato, quello che anche nel Regno Unito certifica l’avvenuta vaccinazione. Come aveva anticipato il Times, Johnson sta predisponendo un piano di ridimensionamento della rete di centri di test, dopo che il Tesoro ha chiesto di risparmiare 10 miliardi di sterline. I centri dovrebbero essere chiusi in primavera.

I numeri della pandemia nel Regno Unito

Secondo una portavoce del governo “gli ultimi dati sono incoraggianti, i casi iniziano a diminuire anche se la pandemia non è finita”. Ieri la Gran Bretagna ha registrato 94.432 casi, scendendo sotto i 100.000 contagi giornalieri per la prima volta dal 23 dicembre. 

Il professor Robert Dingwall, membro della Commissione governativa inglese per le vaccinazioni e le immunizzazioni, ha spiegato che “il piano è quello di rimuovere tutte le restrizioni, compresi i pass vaccinali, salvo due eccezioni. Potrebbe comunque rimanere il tampone negativo per alcuni casi particolari, così come l’uso delle mascherine: una raccomandazione, non obbligo. Inoltre, è in corso un dibattito sull’obbligo vaccinale imposto agli operatori sanitari”.