Roman Abramovich potrà tornare nel Regno Unito dopo aver ottenuto la cittadinanza israeliana

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 maggio 2018 7:49 | Ultimo aggiornamento: 29 maggio 2018 18:52
Roman Abramovich potrà tornare nel Regno Unito dopo aver ottenuto la cittadinanza israeliana (foto Ansa)

Roman Abramovich potrà tornare nel Regno Unito dopo aver ottenuto la cittadinanza israeliana (foto Ansa)

LONDRA – Roman Abramovich [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play], miliardario russo proprietario del Chelsea, dopo aver ottenuto la cittadinanza israeliana potrà entrare nuovamente nel Regno Unito.

La decisione sembra legata alle difficoltà di Abramovich a ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno in Gran Bretagna, ormai scaduto, e la vicenda potrebbe riguardare la stretta che il governo May aveva annunciato nei confronti degli “oligarchi” russi ritenuti vicini a Vladimir Putin, alla luce dell’oscuro espisodio del tentato avvelenamento nervino dell’ex spia Serghiei Skripal e di sua figlia Yulia, un caso che ha alimentato venti di guerra fredda.

Abramovich, che ha comprato il Chelsea nel 2003, nel Regno Unito è entrato per l’ultima volta lo scorso aprile e non ha potuto essere presente alla finale di Fa Cup vinta dalla sua squadra contro il Manchester.

Arrivato due giorni fa a Tel Aviv ha ricevuto un documento d’identità israeliano ai sensi della legge del ritorno, che consente agli ebrei, così come alle persone con un genitore ebreo, nonno o coniuge, il diritto alla cittadinanza.

Il miliardario russo 51enne, che a Kensington possiede una villa da 125 milioni di sterline è nato da genitori ebrei lituani, Irina e Arkady, per cui ha pieno diritto alla cittadinanza israeliana.
La Russia mantiene forti relazioni diplomatiche con Israele e consente la doppia cittadinanza, il che significa che Abramovich potrà avere passaporto russo e israeliano, spiega il Daily Mail.
Per brevi soggiorni, i cittadini israeliani possono entrare nel Regno Unito senza visto ma per lavorare hanno bisogno di un permesso.

Il Nativ Liaison Bureau, che gestisce l’immigrazione dai paesi di lingua russa, ha confermato che il magnate aveva fatto domanda per la cittadinanza, “i documenti sono stati controllati in base alla legge del ritorno ed è stato dichiarato idoneo”, ha riferito un portavoce a Channel 10.
Dopo aver ottenuto la cittadinanza, Abramovich, che ha un patrimonio stimato in 11,4 miliardi di dollari, è immediatamente diventato l’uomo più ricco d’Israele.
Se dovesse prendere la residenza in Israele, potrebbe beneficiare della legge fiscale del 2008, che consente ai neo cittadini israeliani un’esenzione fiscale di 10 anni su tutti i redditi percepiti all’estero.