Russia, ritrovata dopo 31 anni l’alpinista Elena Basykina: una “statua di cera” sul ghiacciaio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 agosto 2018 11:09 | Ultimo aggiornamento: 29 agosto 2018 11:09
Russia, ritrovata dopo 31 anni l'alpinista Elena Basykina: una "statua di cera" sul ghiacciaio

Russia, ritrovata dopo 31 anni l’alpinista Elena Basykina: una “statua di cera” sul ghiacciaio

ROMA – Quando scomparve, 31 anni fa a  più di 4mila metri d’altezza sulla pista che conduce alla vetta dell’Elbrus, c’era ancora l’Unione Sovietica, Gorbaciov era ancora in sella. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Elena Basykina, alpinista russa, è stata ritrovata in questi giorni sul ghiacciaio caucasico della cima più alta dell’immenso paese, l’Elbrus appunto, 5642 metri d’altezza.

Un portafoglio con i documenti intatti – si legge nel resoconto del Messaggero – ha dato un nome a quel cadavere praticamente mummificato, una “statua di cera” testimonia chi l’ha vista. All’epoca, dal momento che vano fu ogni tentativo di ricerca dei cinque membri della spedizione alpinista, si era anche pensato che Elena fosse stata rapita da qualche movimento irredentista di quei luoghi aspri e agguerriti.

La madre morì di crepacuore non potendosi rassegnare alla tragedia ulteriore di non averle consentito nemmeno una sepoltura degna. Il ritrovamento permetterà adesso di cercare anche i 4 compagni di cordata di Elena.