Russia, il candidato sindaco denuncia brogli. Dopo 39 giorni stop a sciopero della fame

Pubblicato il 23 Aprile 2012 17:30 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2012 19:44

MOSCA – Ha messo fine oggi al suo sciopero della fame dopo 39 giorni Oleg Shein, l'ex candidato sindaco di Astrakan che aveva iniziato questa singolare protesta per contestare l'elezione con il 60% dei voti del suo sfidante, esponente del partito putiniano Russia Unita, a suo avviso grazie a brogli di massa. Shein, che ha perso 14 kg riducendosi ad una larva, aveva promesso di proseguire lo sciopero finche' non avesse ottenuto il riconoscimento delle irregolarita' e la liberazione di una ventina di suoi sostenitori, fermati sabato scorso mentre manifestavano in segno di solidarieta'. Oggi ne sono stati scarcerati 16, domani tocca agli ultimi quattro.

Nei giorni scorsi, invece, il presidente della commissione elettorale centrale Vladimir Ciurov, dopo aver visionato i filmati presentati da Shein, aveva escluso brogli ma era stato costretto a riconoscere irregolarita' nel 63% dei seggi, escludendo pero' potessero aver influito sull'esito dello scrutinio. Shein, uscito sconfitto dal voto con il 30% delle preferenze, attende ora il responso della giustizia. Il suo e' diventato un caso nazionale, riuscendo a mobilitare tutto il fronte dell'opposizione extraparlamentare. .