Un uomo di 71 anni si dà fuoco in strada in Russia: “Buon compleanno Putin”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Ottobre 2020 10:22 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2020 10:23
Un uomo di 71 anni si dà fuoco in strada in Russia: "Buon compleanno Putin"

Un uomo di 71 anni si dà fuoco in strada in Russia: “Buon compleanno Putin” (Foto Ansa)

Si è dà fuoco in strada a San Pietroburgo, in Russia, per protestare contro Putin: un uomo di 71 anni aveva un cartello con scritto “buon compleanno signor presidente”.

Un uomo di 71 anni si dà fuoco in una strada affollata nel centro di San Pietroburgo, in Russia, in occasione del 68° compleanno del Presidente Vladimir Putin. Lo riporta il Moscow Times. L’anziano indossava un cartello con scritto “Buon compleanno signor Presidente”.

Il 71enne, un piccolo uomo d’affari, è ora ricoverato in ospedale con ustioni di primo e secondo grado al 45% della superficie del corpo.

È il secondo caso in una settimana in Russia di immolazione: venerdì scorso la giornalista Irina Slavina è morta, infatti, dopo essersi data fuoco davanti alla sede della polizia di Nizhny Novgorod. Putin ha compiuto gli anni mercoledì. 

Il suicidio di Irina Slavina

“Per piacere, date la colpa della mia morte alla Federazione Russa. Quindi allo Stato. Quindi a Vladimir Putin”. È l’ultimo messaggio postato su Facebook da Irina Slavina, direttrice della testata locale Koza.Press, prima di darsi fuoco. L’ha fatto fuori dalla sede della polizia di Nizhny Novgorod. C’è chi ha provato, pare, a spegnere le fiamme ma Irina si è opposta.

La casa della donna era stata perquisita dalla polizia e lei era stata accusata di essere in combutta con l’ex oligarca Mikhail Khodorkovsky, ora oppositore incallito con base a Londra.

“Prima che iniziasse la perquisizione mi hanno chiesto di dargli volontariamente opuscoli e volantini di Russia Aperta (l’organizzazione fondata da Khodorkovsky, ndr). È chiaro che non potevo in alcun modo aiutarli dato che non ho nulla a che fare con Open Russia”, aveva raccontato Irina.

Si sostiene che Open Russia finanzi le proteste a Nizhny Novgorod contro lo sviluppo predatorio e peggiorativo di una delle aree verdi più iconiche della città, il parco Svizzero. Si afferma che Open Russia finanzia queste proteste di massa, mentre la gente scende in piazza del tutto volontariamente e ogni martedì si trova in una ‘catena umana’ vicino al parco. Come giornalista, non posso ignorare questi eventi e ne ho scritto. Inoltre, io stessa ho partecipato due volte alla catena, perché quello che sta succedendo non può che riguardarmi, come residente di Nizhny Novgorod e come cittadina”, aveva detto ancora. (Fonte Ansa).