Santiago Calatrava sbaglia progetto a Oviedo: dovrà risarcire 2,96 milioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 febbraio 2014 20:39 | Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2014 20:39
Santiago Calatrava sbaglia progetto a Oviedo: dovrà risarcire 2,96 milioni

Il palazzo dei Congressi di Oviedo progettato da Santiago Calatrava (foto Wikipedia)

OVIEDO, 7 FEB – L’archistar Santiago Calatrava dovrà pagare un maxi risarcimento danni di 2,96 milioni di euro per errori nel progetto del Palazzo dei Congressi di Oviedo (Asturie).

Leggi anche –> Venezia, Comune chiede i danni a Calatrava per il quarto ponte

Calatrava è stato condannato da un tribunale di Oviedo a pagare danni per 2,96 milioni di euro alla società Jovellanos XXI, per gli errori riscontrati nell’esecuzione delle opere del Palazzo dei Congressi di Oviedo.

Nella sentenza, resa pubblica oggi 7 febbraio e appellabile, l’Audiencia Nacional ha accolto parzialmente i ricorsi presentati dalle parti contro il pronunciamento di primo grado emesso lo scorso 6 giugno dal tribunale provinciale, che condannava l’architetto di Valencia al pagamento di 3,27 milioni di euro, quantità ridotta ora a 2,96 milioni.

La società Jovellanos XXI, che gestisce il Palazzo dei Congressi e delle Esposizioni, è stata costretta a rifare nel 2006 le gradinate dell’Auditorium e a rendere fissa la copertura mobile progettata da Calatrava.

Ma non è l’unico fronte aperto per Calatrava.

Il governo della Generalitat di Valencia un mese fa ha minacciato azioni legali contro l’architetto per l’inagibilità del Palau de les Artes, nella Ciudad de las Artes y las Ciencias, l’opera forse più emblematica di Calatrava.

Dal giorno di Santo Stefano è chiuso per ragioni di incolumità pubblica, a causa del crollo parziale delle tessere di ceramica bianca del mosaico di copertura della facciata della sala operistica.

Il cedimento ha costretto a rimuovere l’intero mosaico di tessere che ricopre il Palau de les Arts. L’opera costerà altri 3 milioni di euro al governo regionale di Valencia, che ha già detto di non essere disposto ad assumerne i costi e che saranno parzialmente pagati dal progettista.