Schiavo di una famiglia nomade: per giorni legato senza vestiti, gli davano cibo per cani

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 gennaio 2018 5:51 | Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2018 20:05
Schiavo-nomadi-sequestrato

Schiavo di una famiglia nomade: per giorni legato senza vestiti, gli davano cibo per cani

LONDRA – Secondo la famiglia per cui lavorava, John Anderson aveva bisogno di una lezione indimenticabile: è rimasto per due giorni nudo e legato in un capanno nell’Oxfordshire, ma alla fine è riuscito a fuggire ed è stata la fine di un incubo. Anderson, 43 anni, in tribunale ha raccontato il calvario passato con la famiglia nomade per cui lavorava: mangiava cibo per cani, era stato legato nudo e sequestrato in un capanno, cosparso di benzina e minacciato di bruciarlo vivo.

L’uomo, precedentemente, era riuscito a scappare da James McPhee e aveva lasciato la Scozia per recarsi nell’Oxfordshire ma era stato ritrovato e riportato a Nord, dove è stato picchiato e ha ricevuto una sonora “lezione” dal padre di McPhee, Robert, poi portato nel capanno dove sono entrati alcuni bambini che hanno urinato sul povero Anderson. Ha testimoniato nel corso del processo contro James McPhee, 45 anni, Robert McPhee, 65 anni, Steven McPhee, 37, e John Miller di 38 che ora affrontano un totale di 30 accuse, tra cui schiavitù e violenza, che vanno dal 1992 al 2016.

Quando Anderson accettò di lavorare per James McPhee era un senzatetto ma si accorse ben presto che l’uomo era violento, veniva preso a pugni, calci, colpito con il manico di un’ascia. Spaventato, andò via e trovò lavoro in una casa a Paisley, nel Renfrewshire ma James e il fratello Steven McPhee, nonostante fosse nascosto in un armadio, riuscirono a trovarlo e lo portarono a Bathgate nel West Lothian.

Anderson riuscì a scappare di nuovo e arrivò con un altro lavoratore a Cambridge, dove dormiva in un rifugio per senzatetto. Una sera, mentre era in pub, vide entrare James McPhee e rimase scioccato. Salì sulla Mercedes di McPhee e portato a Larkhall, nel Lanarkshire, dove viveva la famiglia nomade intenzionata a dare una bella lezione ad Anderson a suon di pugni, calci e 2 giorni recluso nel capanno.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other