Scozia, molesta sui social nove minorenni: condannato a 3 anni di carcere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 aprile 2018 6:40 | Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2018 20:13
molesta minorenni social

Scozia, molesta sui social nove minorenni: condannato a 3 anni di carcere

ROMA – A Glasgow, Sean McCuaig, 22 anni, è stato spedito tre anni in galera per aver molestato sui social media nove adolescenti, tra i 12 e 17 anni: inviava loro delle foto false in cui sovrapponeva il volto delle ragazzine su corpi nudi minacciandole che avrebbe pubblicato le immagini su Facebook.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Clare, ora 16enne, aveva solo 14 anni quando è stata contattata dal predatore su Facebook: a McCuaig era piaciuto un post dell’adolescente e inviato una richiesta di amicizia che lei, ignara, aveva accettato. Aveva da poco cambiato scuola e voleva conoscere persone nuove, spiega il Daily Mail.

Poco dopo, McCuaig le aveva inviato una fotografia, in cui il volto di Clare era sovrapposto a un corpo nudo, e chiesto alla ragazzina di mandare un selfie delle gambe nude nel giro di un’ora o avrebbe pubblicato la foto.

Vedendo che Clare non rispondeva alla richiesta, nel cuore della notte l’ha minacciata con un messaggio:”Il tempo è scaduto”.

Clare ha svegliato la madre e spiegato cosa stava accadendo. La donna ha scritto un messaggio a McCuaig dicendo che avrebbe contattato la polizia e lui aveva cancellato l’account.

Il giovane predatore, che era in possesso di circa 2500 foto di adolescenti, per adescarle utilizzava una serie di falsi nomi. Ma non solo, aveva documentato le sue fantasie malate di rapimento, stupro e omicidio nei confronti di una delle vittime.

Il capo della Police Scotland’s Cyber Crime Unit Detective, Andy McWilliam, ritiene che McCuaig intendesse mettere in atto il criminale proposito.

Si è dichiarato colpevole di 20 reati che comprendono le foto in cui sovrapponeva i volti su corpi nudi, minacce di pubblicazione, download, possesso e diffusione di immagini porno esplicite che ritraevano donne violentate..

Oltre alla condanna di tre anni di prigione, sarà presente sul Registro dei molestatori a tempo indeterminato.