Scrittore ucciso da due ex allievi: volevano vendere i suoi romanzi inediti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 gennaio 2018 7:25 | Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2018 20:31
Peter-Farquahr

Peter Farquahr

ROMA – Peter Farquhar, 69 anni, del villaggio di Maids Moreton, nel Buckinghamshire, era morto nel sonno, il certificato del decesso dichiarava “per intossicazione alcolica acuta”.

Ma, come in un libro Agatha Christie, c’è un colpo di scena: ora la morte di Farquhar, scrittore ed ex professore di letteratura inglese all’University of Buckingham di Cambridge, è al centro di un’indagine per omicidio. Sia Farqhar che una vicina di casa, Ann Moore-Martin di 83 anni, sarebbero stati uccisi e derubati dei loro risparmi da due allievi dell’ex professore.

L’indagine è stata avviata dopo la morte improvvisa della Moore-Martin, esattamente a 18 mesi di distanza dal decesso dello scrittore.

La polizia ha arrestato Ben Field, 27 anni e Martyn Smith di 31, con l’accusa di concorso in omicidio, frode e furto con scasso. Un terzo, fratello di Field, è stato trattenuto per sospetto di frode e poi rilasciato ma rimane sotto inchiesta.

Una vicina ha riferito che la Moore-Martin, poche settimane prima di morire, era stata ricoverata in ospedale per un’inspiegabile emorragia dalla bocca.

Gli investigatori hanno scoperto che dai conti di entrambi i pensionati erano sparite notevoli somme di denaro.
I due sospettati di omicidio, per mesi hanno frequentato l’ignaro ex professore e uno si è trasferito a casa della Moore-Martin dopo la sua morte.

I registri pubblici mostrano che avevano fondato una società, tre mesi prima che Farquhar morisse, col proposito di vendere i suoi romanzi inediti, poesie e saggi.