Sei anni al gigolò Sgarbi, aveva ricattato “Lady Bmw”

Pubblicato il 9 Marzo 2009 18:23 | Ultimo aggiornamento: 9 Marzo 2009 18:23

Condannato a sei anni di reclusione il gigolò svizzero Helg Sgarbi. Il tribunale di Monaco di Baviera ha riconosciuto il 44enne colpevole di ricatto ai danni dell’ereditiera della Bmw, Susanne Klatten, e di tre altre ricche signore. L’accusa aveva chiesto nove anni.

Il processo è stato velocissimo perché l’imputato ha ammesso interamente le sue colpe. Ma non ha rivelato dove ha nascosto i 9,3 milioni di euro che aveva guadagnato ricattando “Lady Bmw” e le altre signore. Né ha detto dove siano finiti i video dei suoi incontri intimi con la Klatten. Filmati che avevano per “regista” Ernano Baretta, un italiano ritenuto ispiratore della vicenda. A Baretta sono stati sequestrati dei beni che le parti lese vorrebbero mettere all’asta per recuperare una parte del denaro estorto.