Sigaro cubano di Winston Churchill all’asta: vecchio e già fumato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 maggio 2018 6:42 | Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2018 6:46
Gary Oldman interpreta Churchill nel film "L'ora più buia"

Gary Oldman interpreta Churchill nel film “L’ora più buia”

LONDRA – Vecchio, già fumato ma un pezzo raro per i collezionisti: è il sigaro che Winston Churchill [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] lasciò in un portacenere a bordo di una nave della Royal Navy durante una missione fondamentale nella Seconda Guerra Mondiale, e che ora sarà venduto all’asta per circa 1.370 euro.

Il sigaro cubano fu preso da un improbabile cacciatore di souvenir, il reverendo Robert Evans, cappellano della HMS Duke of York.
Il prete, quando il primo ministro e schiera di dignitari nel 1941 salirono a bordo della nave per un viaggio negli Stati Uniti, fu preso alla sprovvista.
Sulla scia dell’attacco a Pearl Harbor, Churchill si prese la responsabilità di incontrare il Presidente Roosevelt per discutere sul fatto che l’America sarebbe entrata in guerra.

Durante il viaggio di 10 giorni attraverso l’Atlantico, Churchill fumò dozzine di sigari, ma quello che sarà messo all’asta è l’unico sopravvissuto. Era prodotto dal famoso marchio di sigari Partagas de L’Avana e su un lato ha ancora l’ etichetta rossa, scrive il Daily Mail.
Il sigaro è stato conservato in un tubo di plastica per 70 anni ed è rimasto intatto. Nel 1991, dopo la morte di Evans a 91 anni, il sigaro di Churchill è passato a un familiare e ora lo sta vendendo con una nota del prete che ne conferma l’autenticità.
Aaron Dean, della casa d’aste Travanion e Dean di Whitchurch, Shropshire, ha dichiarato che “è la storia a dare valore a questo oggetto. Sebbene i sigari fumati da Churchill siano stati precedentemente venduti all’asta, questo è collocato in un preciso momento del tempo e della storia”.