Spagna, bimbo nel pozzo: fallito il primo tentativo di salvare Julen

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 gennaio 2019 11:27 | Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2019 11:27
Spagna, bimbo nel pozzo: fallito il primo tentativo di salvare Julen

Spagna, bimbo nel pozzo: fallito il primo tentativo di salvare Julen (foto Ansa)

MALAGA – E’ fallito il primo tentativo di salvare il piccolo Julen Rossello, il bambino di due anni caduto domenica 13 gennaio in un pozzo profondo 107 metri e largo 23 centimetri a Totalan (Malaga), in Spagna.

Il tunnel orizzontale che i soccorritori intendevano scavare perpendicolarmente al pozzo è risultata un’opzione che non può essere considerata, dal momento che il terreno nella zona è troppo instabile. Si sta quindi pensando ad una alternativa per estrarre vivo il piccolo, forse attraverso un nuovo tunnel verticale. 

I genitori di Julen da domenica non hanno mai lasciato il pozzo. “Con mia moglie siamo a pezzi, siamo morti. Ma abbiamo ancora la speranza che Julen sia vivo”, ha spiegato alla stampa José Rossello, padre del  bimbo, che ha lanciato un appello a continuare le operazioni di salvataggio, perché si è detto convinto che “rivedrò vivo mio figlio”.

L’uomo ha ringraziato per l’appoggio che con la moglie Vicky stanno ricevendo da “tutte le persone che ci danno forza, le imprese che offrono aiuto, gli psicologi, la guardia civile e tutti quanti stanno lavorando giorno e notte senza tregua”.

La coppia già nel 2007 ha perso un altro figlio, all’età di soli 3 anni. “Abbiamo un angelo che ci aiuta a che Julen esca fuori vivo”, ha detto José, riferendosi a questo bimbo.