Cronaca Europa

Spagna, infanta Cristina: accusa di frode e riciclaggio, rischia 6 anni

Spagna, infanta Cristina: accusa di frode e riciclaggio, rischia 6 anni

Spagna, infanta Cristina: accusa di frode e riciclaggio, rischia 6 anni (Foto Ansa)

MADRID – L‘infanta Cristina di Borbone, primogenita del re Juan Carlos, rischia 6 anni di carcere per l’accusa di frode fiscale e riciclaggio. Il giudice  Jose Castro del Tribunale di Palma de Mallorca ha citato in giudizio la figlia del re Juan Carlos e moglie di Inaki Urdangarin, coinvolto nel caso Noos e accusato di corruzione. Cristina di Borbone è stata chiamata a dichiarare in tribunale il prossimo 8 marzo.

Il giudice Jose Castro, titolare del caso Noos, già nell’aprile scorso aveva indagato Cristina di Borbone, primo membro della famiglia reale a finire sotto inchiesta, ravvisando indizi di concorso in corruzione nell’inchiesta in cui è coinvolto il marito, Inaki Urdangarin. Tuttavia il tribunale superiore di Maiorca, l’Audiencia Nacional, sospese l’accusa per insufficienza di prove.

La nuova accusa riguarda i reati di frode fiscale e riciclaggio. In un provvedimento di 227 pagine, citato dai media, il giudice Castro convoca la duchessa di Palma alle 10 del mattino del prossimo 8 marzo. L’inchiesta ipotizza malversazione e appropriazione indebita di circa 5,8 milioni di fondi pubblici concessi alla Fondazione Noos, per la promozione dello sport e di eventi sportivi, presieduta dal marito dell’infanta Cristina, l’ex campione olimpionico di pallamano Inaki Urdangarin, principale indagato con il socio Diego Torres. 

To Top