Spagna, rimossi due crocifissi da una scuola pubblica. L’aveva chiesto il padre di due allievi

Pubblicato il 9 Novembre 2010 20:05 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2010 20:20

Il tribunale superiore della Estremadura, nella Spagna orientale, su richiesta del padre di due allievi ha ordinato la rimozione dei crocifissi da due aule della scuola pubblica Ortega y Gasset di Almendalejo, vicino a Badajoz, lungo la frontiera con il Portogallo, riferisce El Pais online.

Il padre dei ragazzi, Lorenzo Losada, avevano chiesto che fossero tolti i crocifissi dalle due aule che ospitano le loro classi.

E’ la seconda sentenza di questo tipo emessa da un tribunale spagnolo, dopo quella di un tribunale di Valladolid, a nord di Madrid, nel 2008 che aveva imposto la rimozione dei crocifissi dalle aule della scuola pubblica Macias Picavea, e che aveva suscitato forti polemiche.

Secondo la radio Cadena Ser il tribunale superiore di Estremadura ha anche imposto alla scuola Ortega y Gasset di non autorizzare più cerimonie religiose al suo interno.

Nel programma elettorale per le ultime politiche del 2008 il partito socialista Psoe del premier José Luis Zapatero aveva indicato che la questione della rimozione dei crocifissi e di altri simboli religiosi nelle scuole pubbliche sarebbe stata regolamentata da una nuova legge sulla libertà religiosa.

Lo scorso 5 novembre, alla vigilia dell’arrivo del Papa in Spagna per una visita di due giorni, il governo ha però indicato che la riforma non è una priorità e che difficilmente la nuova legge potrà essere presentata in parlamento entro la fine della legislatura, nel marzo 2012.

[gmap]