Stafford (Gran Bretagna): 4 bambini morti in casa per un incendio provocato da una sigaretta. Polizia riapre il caso

di Caterina Galloni
Pubblicato il 20 Dicembre 2020 10:00 | Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre 2020 20:40
Vigil idel Fuoco, foto Ansa

Stafford (Gran Bretagna): 4 bambini morti in casa per un incendio provocato da una sigaretta. Polizia riapre il caso (foto Ansa)

Stafford, quattro bambini di 3, 4, 6 e 8 anni nel 2019 sono morti in un incendio divampato nell’abitazione.
 
La madre Natalie Unitt e il fidanzato Chris Moulton, dopo la tragedia erano stati arrestati con l’accusa di omicidio colposo.
L’incendio era stato provocato dalla coppia che si era addormentata mentre stava fumando. 
Ad agosto i pm avevano però affermato che non sarebbero state intraprese ulteriori azioni nei loro confronti ed erano stati rilasciati.
 

Stafford, caso riaperto: i cinque bambini morti parlavano a malapena

Una revisione del caso ha fatto comunque emergere che i bambini erano così trascurati da parlare a malapena e avevano subito 50 ferite accidentali, come ha riferito il Birmingham Live.
Joanna Nicolas ha revisionato il caso.
 
La donna ha spiegato che “una delle maggiori preoccupazioni era che i bambini non parlassero. La casa è stata descritta silenziosa nonostante la presenza di cinque figli piccoli”.
 
Durante la visita di un pediatra, uno dei bambini ha semplicemente “emesso dei suoni e indicato gli oggetti”, riferisce il rapporto.
 
Un bambino è stato messo davanti alla televisione tutto il giorno e c’erano “prove considerevoli” che i fratellini non ricevevano “stimoli, supervisione o guida sufficienti”.

I bambini trovati con 50 ferite addosso

Nell’arco di 17 mesi stati inoltre osservate più di 50 ferite, segni o contusioni e il personale dell’asilo nido aveva sollevato preoccupazioni dopo aver scoperto che uno dei pannolini del piccolo non era stato cambiato dalla notte precedente.
 
La famiglia Unitt era arrivata all’attenzione dello Staffordshire County Council nel 2017.
 
La madre Natalie “controllava i rapporti che l’intera famiglia aveva” con l’esterno. 
 
Tuttavia, nonostante le preoccupazioni per i bambini, la famiglia era considerata a un livello basso dei casi di abbandono perché nessuno dei genitori aveva problemi di salute mentale o di abuso di sostanze.
 
Durante un’indagine sui decessi, Natalie Unitt aveva detto di soffrire di disturbo da stress post-traumatico e di non ricordare come fosse iniziato l’incendio.
 
Moulton, padre di tre dei bambini, aveva dichiarato che pensava l’incendio fosse divampato su un pianerottolo.
 
Lee Richards, un vigile del fuoco del West Midlands Fire and Rescue Service, aveva spiegato che le prove indicavano che l’incendio era iniziato nella camera da letto, mentre il piumone in fiamme era stato trascinato nel corridoio.
 
Agli investigatori aveva detto di aver trovato un “numero significativo di sigarette buttate con noncuranza” all’interno e all’esterno della casa.
 
Aveva affermato che c’erano “più di 100 sigarette” trovate fuori da una porta sul giardino e “mozziconi buttati sotto la finestra del soggiorno, la finestra della camera da letto e nel giardino”.
 
Tuttavia il Crown Prosecution Service ha sostenuto che non c’erano prove sufficienti per intentare una denuncia contro la coppia (fonte: Sun).