Svizzera, turismo degli acquisti: code per Italia e Germania, ora conviene

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Gennaio 2015 18:22 | Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio 2015 18:26
Svizzera, turismo degli acquisti: code per Italia e Germania, ora conviene

Le code agli uffici di cambio a Ginevra (foto Lapresse)

BERNA – Svizzeri in coda per l’Italia, svizzeri in coda per la Germania: vogliono andare a fare acquisti dove ora conviene loro. Con il cambio Franco-Euro bloccato, i cittadini elvetici hanno acquistato ulteriore potere d’acquisto e cercano di sfruttarlo nei Paesi confinanti. Lino Terlizzi sul Sole 24 Ore racconta il turismo degli acquisti, che segue di qualche giorno l’assalto alle agenzie di cambio. E’ un po’ il contrario di quello che accade di solito, quando sono italiani e tedeschi ad andare in Svizzera per comprare prodotti convenienti, come la benzina che lì costa meno.

Terlizzi spiega perché adesso agli svizzeri conviene acquistare nei paesi dell’Unione Europea:

La decisione della Banca nazionale svizzera, giovedì, sull’abbandono della soglia di cambio di 1,20 franchi 1 euro, ha fatto impennare il franco. La moneta elvetica è arrivata venerdì sera sino a 0,97 per 1 euro. Visto dall’altra parte, sino a mercoledì sera 1 franco valeva 0,83 euro, mentre venerdì sera valeva sino a 1,03 euro, con una differenza di oltre il 20%. Anche considerando le commissioni di uffici e banche e il cambio da queste praticato, il vantaggio per chi ha franchi è evidente.

Terlizzi racconta nel dettaglio quali sono le frontiere più prese d’assalto:

Dal Ticino ci sono stati ieri spostamenti per gli acquisti nella zona italiana di frontiera, come al solito e forse un pochino di più. Nessun esodo biblico, ma qualche spostamento più della media anche nella Svizzera tedesca. A Basilea sono state intensificate le corse del tram della nuova linea 8 che porta i residenti in Svizzera nei vicini centri commerciali in Germania. A Zurigo sono stati organizzati alcuni treni supplementari per raggiungere Costanza, in territorio tedesco. Treni non affollatissimi, ma il turismo degli acquisti c’è stato. Intervistati dalla radio svizzera, alcuni viaggiatori hanno detto chiaramente di voler approfittare del super franco per fare acquisti in Germania.