Terremoto: sì della Turchia agli aiuti di Israele

Pubblicato il 26 ottobre 2011 11:03 | Ultimo aggiornamento: 26 ottobre 2011 11:08

TEL AVIV – Un aereo militare israeliano è partito verso la Turchia con primi aiuti materiali a favore della popolazione terremotata. Lo ha reso noto la radio delle forze armate secondo cui a bordo ci saranno le strutture di sette edifici prefabbricati destinati alla popolazione rimasta all'addiaccio in seguito al sisma.

Altri edifici saranno inoltrati in Turchia nei prossimi giorni, sia con aereo militari, sia via mare.

L'assenso della Turchia a ricevere aiuti da Israele – malgrado lo stato di forte tensione diplomatica fra i due Paesi – è giunto nella nottata e subito il ministro della difesa Ehud Barak ha ordinato di inoltrare i primi soccorsi.

Da parte turca, secondo la stampa locale, è stato comunque precisato che mentre gli aiuti concreti sono ben accolti la Turchia preferisce non ricorrere invece al sostegno dei militari israeliani del comando delle retrovie, malgrado essi abbiano maturato una cospicua esperienza nel soccorrere persone rimaste prigioniere sotto i detriti.

La stampa israeliana prevede che l'invio di aiuti ai terremotati in Turchia non avra' ripercussioni sulla tensione politica fra i due Paesi che, secondo diversi commentatori, resterà inalterata. ''Le nostre relazioni con la Turchia non sono buone – ha ammesso Amos Ghilad, un consigliere politico di Barak – ma noi dobbiamo comunque sforzarci di migliorarle''.