Turchia, incidente con la moto d’acqua: 30enne con utero e intestino squarciati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 luglio 2018 17:15 | Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2018 17:15
utero intestino squarciato

Turchia, incidente con la moto d’acqua: 30enne con utero e intestino squarciati

ROMA – Ashleigh Donnelly, 31 anni, si è ritrovata “aperta in due come una banana” dopo che un potentissimo getto d’acqua le “ha strappato via le parti interne”. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Era in Turchia ed era su di una moto d’acqua, quando, davanti a suo figlio, è successo l’impensabile. Portata di corsa in ospedale, ha subito due operazioni per ricostruire i suoi organi interni praticamente distrutti.

I medici non sanno ancora se potrà più avere figli e potrebbe dover indossare una sacca per la colostomia per tutta la vita. Ora amici e familiari hanno lanciato una campagna per raccogliere più di 30.000 sterline per le spese dei trattamenti medici visto che l’assicurazione di viaggio stipulata dalla donna ha fatto sapere che gli incidenti negli sport acquatici non rientrano nelle proprie coperture.

Ashleigh, madre di 5 figli, originaria di Northfleet, Regno Unito, era a Marmaris in Turchia per festeggiare il trentesimo compleanno del marito Joe insieme al figlio maggiore Lee, 14 anni. La famiglia aveva noleggiato una moto d’acqua da un operatore turistico sulla spiaggia l’ultimo giorno della loro vacanza. Lee e il patrigno Joe, stavano calcando il mezzo insieme quando un’onda ha travolto Ashleigh sull’altra moto d’acqua guidata dall’amico sedicenne del figlio. La donna è stata risucchiata sott’acqua dove il getto l’ha investita “come cemento” e quasi l’ha uccisa. “Sarà una strada molto lunga per il recupero per me, ma sono viva e questo è tutto ciò che conta, i miei bambini hanno ancora una mamma e mio marito ha sua moglie” dice oggi Ashleigh.

La donna si trova in un ospedale della Turchia e grazie alla solidarietà ha accumulato 26mila sterline per le spese mediche e per il ritorno a casa.

Il Foreign Office (il corrispettivo della Farnesina in Uk) ha dichiarato: “Il nostro staff consolare assiste la famiglia di una donna britannica che è stata ricoverata in Turchia e che è in contatto con i servizi medici turchi”.